Motospia

150 CV per la adventure Harley Pan America Svelati i dettagli tecnici della nuova bicilindrica USA. Due le versioni.

Harley Pan America

Le prime immagini della Harley Pan America risalgono al 2018.  E la versione definitiva era attesa per il 2020. Poi le vicessitudini societarie ne hanno ritardato l’arrivo. Ora comunque la nuova adventure USA è pronta ad entrare sul mercato. Prezzi allineati alle concorrenti premium.

Harley Pan America

L’idea di una adventure Harley è stata presentata per la prima volta nel 2018. La Pan America era uno dei cardini della strategia “More Roads to Harley” svelata all’epoca da quello che era l’establishment della Casa di Milwaukee. I dirigenti dell’epoca volevano rendere il marchio più attraente per un pubblico più ampio e più giovane. Annunciarono quindi che Harley sarebbe uscito dalla sua nicchia per entrerà in nuovi segmenti. Il piano includeva anche lo sviluppo di nuove piattaforme di piccola (da 250 a 500) e di media cilindrata  (da 500 a 1.250). Oltre all’espansione in nuovi segmenti e il lancio della elettrica LiveWire.

In questo scenario, la Pan America doveva essere la rappresentante Harley nel segmento adventure. E doveva essere pronta nel 2020.

Nel febbraio 2020 il nuovo management ha cancellato la strategia “More Roads to Harley” sostituendola con la più conservatrice “Hardwire”. Ma la Pan America si è salvata, ed eccola finalmente qui fra noi.

La nuova adventure Harley sarà disponibile in due versioni: Pan America (proposta in grigio o nero) e Pan America Special (grigio, nero, verde e arancio). I prezzi non sono stati comunicati ufficialmente in Europa, ma dovrebbero oscillare fra i 16.500 e i 18.500 Euro. Insomma, un prezzo allineato a quello delle avventure del segmento premium (BMW, Ducati, Triumph, Honda).

La versione Special ha in più il cavalletto centrale, un pedale del freno posteriore regolabile, un ammortizzatore di sterzo, una piastra paramotore, manopole riscaldate, paramani, un faro adattivo, un sistema di monitoraggio della pressione dei pneumatici e sospensioni anteriori e posteriori semi-attive.

Naturalmente Harley offrirà una vasta gamma di accessori per la Pan America, inclusi diversi set di valigie. Sulla Special si potranno montare anche ruote a raggi con pneumatici tubeless.

Il nuovo motore Revolution Max

Con la Pan America Harley introduce una nuova famiglia di motori bicilindrici, quella denominata “Revolution Max”. Un V2 di 60° raffreddato a liquido che sarà proposto in due cilindrate: 975 e 1.252 cm3. La variante più piccola doveva equipaggiare la naked Bronx, ora cancellata dai piani. 

Harley Pan America

Il nuovo bicilindrico a V da 1.252 cm3 ha un alesaggio e corsa di 105 mm x 72 mm e un rapporto di compressione di 13:1. La sua potenza è di 150 cavalli a 9.000 giri/min e la coppia massima è di 127 Nm a 6.750 giri/min. La moto dispone di cinque riding mode e di ABS e trattino control in versione cornerig.

La nuova Pan America Usa il motore come elemento stressato della ciclistica dove il telaio è tubolare in alluminio, così come la struttura reggisella. 

 La forcella ha steli da 47 mm Ø e corsa di 190 mm. Brembo i freni. La ruota anteriore è da 19”, quella posteriore da 17”. La sella può essere scelta fra diverse altezze ed il parabrezza è regolabile su quattro posizioni.  Intelligente la posizione avanzata del bocchettone del serbatoio carburante, in modo che si possa riempire senza togliere una eventuale borsa da serbatoio.

Nella dotazione sono compresi lo schermo TFT touchscreen da 6,8 pollici rivestito in vetro antiriflesso. La funzione touchscreen si spegne automaticamente mentre il veicolo è in movimento. Il sistema naturalmente può essere connesso allo smartphone. Inoltre  la Pan America è dotata di cruise control.

© 2021, MBEditore, riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

    acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto

    Seguici sui social!

    La tua passione più grande, Motospia.it!