Powered by WP Bannerize

Motospia

Decatalizzatore venduto per il comfort? Ma per favore…

decatalizzatore

Il mercato dell’aftermarket — si sa — è un sottobosco dove, con alcune componenti tecniche, si viaggia sempre al limite della legalità. Sia da parte di chi compra, sia da parte di chi vende. Uno dei temi più caldi è quello degli impianti di scarico. E allora la “fantasia” partorisce mille espedienti per pubblicizzare cose che in realtà non si potrebbero vendere… L’ultima è della MIVV, che spaccia il “decatalizzatore” per Harley Davidson come un sistema per migliorare il comfort!

Decatalizzatore: un simpatico neologismo inventato dai produttori di scarichi aftermarket per indicare un componente semplicissimo (un tubo)  che da solo vale qualche cavallo in più e qualche chilo in meno, guadagnati magicamente con poca fatica. Non è altro che una parte dell’impianto di scarico che sostituisce quella dove è contenuto il catalizzatore. 

Senza catalizzatore lo scarico è “libero”, il motore si esprime al meglio, e la moto è decisamente più leggera. Gli impianti di scarico completi senza catalizzatore sono nati essenzialmente per le sportive, e vengono montati su praticamente tutte le moto che vengono usate per girare in pista nelle giornate di prove libere. E finché si rimane confinati in quell’ambiente, nessuno può obiettare nulla. O meglio, nessuno lo farà mai, anche se, a termini di legge le prove libere sono considerate “circolazione turistica”. E in quanto tale la moto dovrebbe comunque essere in regola con il codice della strada per tutti i suoi aspetti (immatricolazione, gomme e assicurazione compresa)  a meno che non si sia in regime di “competizione”. 

Uno scarico racing Akrapovich per Kawasaki senza catalizzatore.

Ma, insomma, queste sono pieghe del codice della strada che neanche le forze dell’ordine conoscono, quindi bene così…

Il decatalizzatore su strada non si potrebbe usare. Perché la moto non risponde più ai requisiti di omologazione.

Ma il mercato delle sportive langue, mentre oggi si vendono molte più moto stradali. Quindi la richiesta di questi impianti che regalano più potenza, più “sound”, e tolgono chili alla moto, si è spostata sulla strada. Ma qui il problema diventa più evidente. Senza catalizzatore la moto non è in regola con il codice della strada. Insomma, se gli scarichi senza catalizzatore vengono usati su strada, sono fuorilegge. Cosa si fa allora per venderli? Ci sono due strade: li si vende in “silenzio”, senza alzare troppo la voce, lasciando che il passaparola faccia il suo lavoro senza alzare troppa polvere. Oppure ci si inventa una “scusa”.

decatalizzatore
Uno scarico racing Termignoni per Suzuki Gladius senza catalizzatore.

La più bella del 2019 è appena stata lanciata dalla MIVV per pubblicizzare il suo primo “decatalizzatore” dedicato al mondo Harley Davidson. Un mercato, quello delle bicilindriche di Milwaukee che fa gola, visti i numeri e visto l’elevato livello di personalizzazione cui ogni moto viene generalmente sottoposta.

Secondo MIVV, il suo “No Kat Head Pipes” serve a migliorare il comfort perché abbassa il calore emanato dallo scarico. 🙂

La Scusa esilarante è questa: montando il “No Kat Head Pipes” della MIVV sulle cruiser/touring della Harley Davidson si migliora il comfort di marcia perché, togliendo il catalizzatore, si abbassa il calore emanato dalla scarico anche del 50%.

Vero, senza dubbio vero. Tutti sanno che il catalizzatore per poter lavorare decentemente deve raggiungere al suo interno temperature molto elevate. Temperature che vengono poi irradiate attorno allo scarico e senza dubbio in alcuni modelli infastidiscono gambe e piedi. 

Ma pensate davvero che un possessore di Harley Davidson possa arrivare a comprare questo componente perché toglie calore? O forse lo comprerà perché aumenta sensibilmente la potenza (si parla di circa il 7%), e aumenterà sicuramente il livello di rumorosità, cosa che ad un proprietario di Harley interessa più di ogni altra?

Lasciamo a voi il giudizio, ricordando a tutti però che togliere il catalizzatore è una pratica assolutamente illegale… Non dite che non vi avevamo avvisati!

Ultima nota per il prezzo: questo decatalizzatore costa dai 488 Euro in su. Niente male per un tubo… 

© 2019, MYDIGITALPASSION s.r.l., riproduzione riservata.

Seguici sui social!

La tua passione più grande, Motospia.it!