Motospia

Triumph Bajaj non prima del 2023 Il Covid ha rallentato i piani dell’intesa anglo-indiana

Triumph bajaj

A causa della crisi provocata dal Covid in tutto il mondo, e dei conseguenti rallentamenti nella produzione, probabilmente non vedremo prima del 2023 il frutto dell’intesa siglata a gennaio fra Triumph e Bajaj.

Il 2020 è stato un anno difficile per tutti i settori merceologici. E fra questi anche il mondo della moto ha subito danni e ritardi. Aldilà delle vendite che nella seconda parte dell’anno hanno ripreso a marciare a pieno ritmo in tutto il mondo, bisogna infatti considerare che l’andamento altalenante della produzione a livello globale nell’arco dell’anno ha creato molti problemi di programmazione. A tutte le Case. E proprio a causa di qusti rallentamenti, probabilmente non sarà possibile vedere prima del 2023 il frutto della collborazione Triumph-Bajaj annunciata proprio ad inizio 2020, quando ancora non si era diffusa la pandemia da Covid-19. 

L’esordio dei primi modelli Triumph costruiti dal colosso indiano era inizialmente previsto per il 2021. Si sarebbe trattato di un “adattamento” in stile Triumph delle moto che Bajaj già costruisce per la KTM. E si era anche speculato che la futura gamma Bajaj-Triumph avrebbe potuto includere una piccola Daytona 250, una mini Tiger e persino una piccola Bonneville.

Le prime indiscrezioni, così come riportate dal sito indiano India Car News lasciano capire che Bajaj avrebbe lanciato inizialmente un modello del segmento “classic” monocilindrico da 200 cm3 con il marchio Bonneville. La fabbrica di Bajaj con sede a Pune fungerà da centro di produzione per il progetto di Triumph per il mercato indiano e per tutto il sud-est asiatico, l’America Latina e l’Africa. 

© 2020, MBEditore, riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

    acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto

    Seguici sui social!

    La tua passione più grande, Motospia.it!