Powered by WP Bannerize

Motospia

Schizzo Monza, la super special di WalzWerk Dalla serie delle Schizzo una versione ancora più “speciale”

Monza

La tedesca WalzWerk produce ogni anno una cinquantina di special “Schizzo” ricavate tutte dalla stessa base BMW. Ma una volta all’anno ne fa una ancora più speciale. Quest’anno è una café racer che si chiama Monza.

La maggior parte dei “tuner” lavorano su poche unità. O al massimo producono un numero limitato di kit da vendere agli appassionati. Ma esistono anche aziende, come la tedesca WalzWerk, che hanno una vera e propria linea di produzione dedicata alle special. Nel caso specifico, interamente dedicata alla BMW “Schizzo”. «Costruiamo circa 50 delle nostre BMW “Schizzo” all’anno, ovvero una moto a settimana —afferma il fondatore Marcus Walz —. Tutte le “Schizzo”, siano esse in versione Roadster, Cafe Racer, Scrambler e Bobber, si basano praticamente sullo stesso concetto. Ma una volta all’anno costruiamo una Schizzo molto speciale, e quest’anno è la “Monza”, che si ispira alle vecchie moto da corsa  degli anni ’70. Da qui il motivo del soprannome». 

monza

La Schizzo Monza è una fantastica combinazione di design minimalista e retrò da cafe racer, basato su una  BMW R100 RS monolever del 1989. E pesa solo 168 chili con cinque litri di carburante. Quindi  50 chili in meno rispetto alla R100RS di serie.

«Come sempre, abbiamo smontato completamente la moto e l’abbiamo ricostruita — afferma Marcus. —. Quindi è praticamente una moto nuova di zecca. Ma è una vera vecchia moto, e non una falsa moto retrò. Credo che questo sia il motivo per cui la nostra linea di moto Schizzo ha successo». 

WalzWerk ha rimosso tutte le staffe non necessarie dal telaio principale e ha sostituito l’intera parte posteriore, compresa la sella. È un design a step, disponibile come kit completo, senza necessità di alcuna saldatura. Il telaio posteriore modificato si fissa direttamente alle staffe esistenti del telaio principale ed è già dotato di staffe per gli indicatori di direzione, una sella e il parafango posteriore.

Il motore è stato completamente revisionato ed è più potente dell’originale.

Il motore boxer da 980 cm3 è stato completamente revisionato per offrire decenni di servizio in più. Ha nuovi manovellismi e pistoni bilanciati, che sono alleggeriti e modificati. Anche le dimensioni della valvola di aspirazione e scarico sono state aumentate. Pure il cambio a cinque marce e la trasmissione sono stati completamente revisionati, con gli alloggiamenti sabbiati e termosaldati prima di essere rimontati. Per aumentare l’affidabilità e la scorrevolezza, WalzWerk ha anche sostituito l’accensione originale con un nuovo sistema elettronico Silent Hektik montato sull’albero.

Il leggero sistema di scarico “shorty” 2 in 2 ha i dB-killer rimovibili ed è realizzato a mano in acciaio inossidabile da SC Project in Italia e quindi rivestito in ceramica nera. È un design realizzato esclusivamente per WalzWerk e si adatta a tutte le teste BMW a due valvole con connettori da 38 mm.

Aiuta ad aumentare la potenza alla ruota posteriore a 70 CV, rispetto ai 60 CV normalmente misurati sulla R100 di fine anni ’80. Per migliorare le sospensioni, WalzWerk ha collaborato con Touratech. Posteriormente è presente un monoammortizzatore completamente regolabile e la parte anteriore gode di molle a progressive “Black-T” e nuove unità ammortizzanti interne. La piastra  superiore è nuova e ricavata dal pieno da un blocco di alluminio. Le pinze Brembo di serie sono revisionate e lavorano con dischi flottanti in acciaio inossidabile aggiornati.

I cerchi da 18 pollici arrivano da una BMW R100R Paralever, con mozzi modificati per adattarsi all’applicazione Monolever. Montano pneumatici Shinko 270 Super Classic a profilo largo 4.00×18 all’anteriore e 4.50×18 al posteriore. I cerchi e i mozzi sono verniciati a polvere in un metallo dorato, ispirato ai classici cerchi da corsa BBS.

L’elemento più insolito è la carenatura anteriore, che svolge un ruolo importante nel risparmio di peso. È una carenatura da corsa fortemente modificata proveniente da una Yamaha TZ250GP.

«La Schizzo Monza è completamente in regola per l’uso su strada — afferma Marcus —. Per le immagini abbiamo rimosso gli specchi retrovisori, che sono montati alle estremità del  manubrio. La maggior parte delle parti oltre alla carenatura sono disponibili nel nostro negozio online». 

© 2020, MBEditore, riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto

Seguici sui social!

La tua passione più grande, Motospia.it!

... See my blog ...
/* ]]> */