Motospia

Paura per i danni provocati dalla benzina E10 L’allarme arriva dalla Germania

benzina E10

Molto diffusa in alcuni Paesi, la benzina E10, il cosiddetto biocarburante, può essere dannosa per le plastiche (condotti, guarnizioni, raccordi) delle moto più vecchie. E ora si scopre che mette in crisi i filtri ai carboni attivi che sono nel serbatoio delle moto Euro 4. 

La benzina E10, il cosiddetto biocarburante, contiene il 10% di bioetanolo, contro il 5% contenuto nella E5 che usiamo attualmente. La E10 ora è finita sotto processo in Germania. Secondo uno studio condotto dal Fraunhofer Institute UMSICHT (Institute for Environment, Safety and Energy Technology) e riportato dai colleghi di Motorrad, l’eccesso di bioetanolo se da un lato riduce le emissioni inquinanti, dall’altro provocherebbe danni, a lungo andare, ai filtri ai carboni attivi. Quelli  che le moto Euro 4 contengono nel serbatoio per “ripulire” i vapori che si generano all’interno dello stesso. 

L’E10 danneggia molte componenti a lungo termine

L’Istituto Fraunhofer per l’ambiente, la sicurezza e la tecnologia energetica (UMSICHT), insieme all’Università di Siegen, ha esaminato l’effetto a lungo termine su questo componente usato per ridurre le emissioni sulla motocicletta ed è giunto alla conclusione che i vapori del carburante E10 danneggiano il filtri a lungo andare. 

benzina E10

A questo si aggiunge anche la certezza che già la benzina E5, quella attualmente in uso anche in Italia, si è dimostrata dannosa per le plastiche adottate sulle moto degli anni ’80 e ’90. Ma anche sulle moto prodotte prima del 2010. In quegli anni, infatti, le plastiche che venivano predisposte per entrare in contatto con la benzina (condotti, tubazioni, raccordi, guarnizioni) non erano predisposte per risultare resistenti anche all’alcool. Quindi la situazione peggiorerà con l’arrivo della E10.

Insomma, l’uso di percentuali sempre più alte di bioetanolo, costringerà ad un rapido ringiovanimento del parco circolante. Tutte le auto e le moto prodotte prima del 2010 sono infatti a rischio!

© 2021, MBEditore, riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

    acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto

    Seguici sui social!

    La tua passione più grande, Motospia.it!