Motospia

La “cura Zeitz” pare funzionare per Harley Davidson Si cominciano a vedere i risultati dei tagli 

Zeitz

Il nuovo CEO di Harley Davidson Jochen Zeitz sta attuando fin dal giorno del suo insediamento una cura da cavallo. Taglio dei costi, tagli del personale, taglio dei modelli, taglio delle filiali e una profonda revisione della strategia aziendale. Ora qualcuno comincia a vedere una lucina in fondo al tunnel…

Dal 2015 ad oggi, ad ogni presentazione di risultati agli azionisti, nessuno aveva potuto essere ottimista in Harley Davidson. La discesa, lenta ma inesorabile, andava avanti da troppi anni. Tanto che a maggio 2020 tutto il board dei dirigenti è stato rivoluzionato, con l’avvento del nuovo CEO Jochen Zeitz. Il quale ha subito preso  decisioni difficili e drastiche per fermare la discesa. La strategia Rewire introdotta in aprile ha delineato una focalizzazione sui prodotti classici di Harley, una volontà di uscita dai mercati non redditizi e una riduzione della gamma e degli stock di moto per adeguarsi alla domanda.

Ora, a pochi mesi dall’avvio di questa strategia, sembra che il piano di Zeitz cominci a funzionare. Non tutti i numeri del bilancio sono tornati in positivo, ma qualcosa si muove.

Zeitz

Il 27 ottobre, Harley ha reso noti i risultati finanziari del terzo trimestre del 2020. Le entrate ora si attestano a 1,17 miliardi di dollari contro gli 1,27 miliardi dello scorso anno. Una differenza dell’8%. Anche le vendite mondiali sono diminuite dell’8%, ma sono aumentate quelle in Europa.

Ma questi risultati sono simili per tutti i costruttori. Tutti sono in negativo sul 20219 a causa del Covid. E nel caso di Harley, c’è anche il fatto che il nuovo piano aziendale prevede la riduzione volontaria delle scorte.

Harley ha affermato che il magazzino globale dei concessionari è diminuito del 30% rispetto al 2019. Può sembrare un dato negativo, perché meno moto esponi, e meno ne vendi generalmente. Ma è anche vero che ridurre le scorte aiuta a vendere ad un prezzo migliore ciò che c’è.

«Dobbiamo concentrarci non sul volume ma sulla desiderabilità —, ha infatti dichiarato Zeitz a Bloomberg —. Non svaluteremo il nostro marchio fornendo un eccesso di offerta sul mercato».

La strategia ha anche consentito all’azienda di ridurre le spese e, in ultima analisi, aumentare il proprio reddito netto del 39% rispetto al 2019. Il miglior risultato dal 2015. Anche l’utile per azione (EPS) del terzo trimestre è aumentato di oltre il 40%. Inoltre, i risultati incoraggianti hanno stimolato il mercato e aumentato il valore delle azioni della società del 27%.

È solo C’è ancora molta strada da fare, ma questi sono i risultati più incoraggianti da molto tempo a questa parte. Harley non è ancora fuori pericolo, ma sembra che abbia trovato la sua strada.

© 2020, MBEditore, riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

    acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto

    Seguici sui social!

    La tua passione più grande, Motospia.it!