Motospia

HONDA CRF250L OFF ROAD FACILE E DIVERTENTE

L’esperienza di Arianna Lenzi con la più piccola delle enduro di Honda, la CRF250L, monocilindrica con i giusti cavalli per andare ovunque, robusta e affidabile. Un’esperienza fatta di strade bianche e facili sterrati che hanno riempito un weekend divertentissimo.

Honda CRF250LNon ho mai avuto la capacità di affrontare il fuoristrada a cuor leggero, con l’incoscienza e lo slancio di chi sa di avere il mezzo adatto allo scopo e la voglia di mettersi in gioco.
Non l’ho mai fatto perché con la mia CB500X, al di là di qualche percorso lontano e vicino a casa, non mi sono mai sentita abbastanza disinvolta. Trovavo la mia moto troppo pesante, soprattutto in viaggio e con un minimo di carico, per tentare strade mai battute e dissestate. Aggiungiamoci, poi, il fatto di non toccare bene a terra con i piedi, ed è facile capire come la paura potesse prendere il sopravvento.


Poi, però, in un bel giorno di maggio, sono stata invitata da Honda Italia all’evento Africa Twin True Adventure 2018, dove ho avuto l’occasione di provare la CRF250L. Inizialmente ho dovuto prendere le misure con gli ingombri, con l’altezza del mio nuovo piccolo mezzo e studiarmelo per bene.


Possiamo dire di esserci conosciute a pelle,io e la HONDA CRF250L. È bastato qualche minuto, e sono stata subito pronta per dare gas, tenendo ben presente che provare qualcosa davvero è l’unico modo che abbiamo per farci un’idea della realtà, e delle sensazioni che questa ci fa provare.
Su e giù per le colline toscane, su strade bianche e in mezzo a prati verdi che si aprivano a perdita d’occhio, grazie alla HONDA CRF250L ho vinto lo scetticismo e ho iniziato a divertirmi davvero.
Leggerissima – infatti pesa solo 146 chili – mi ha permesso di buttarmi a capofitto in un’esperienza di guida che mai avrei potuto intraprendere con un altro mezzo.


A pochi minuti dalla partenza ero già caduta all’imbocco di un brutto tornante ghiaioso, ma è stato come se avessi avuto bisogno di questa svista per capire il modo giusto di approcciarmi alla guida di questa motina entusiasmante.

Dovevo crederci, e non arrivare alla difficoltà piena di timore.

In sella ho capito che mantenere lo sguardo fisso sull’obiettivo, sulla prospettiva oltre questo, e accelerare consapevolmente è il segreto per affrontare ciò che ci spaventa o reputiamo troppo lontano, troppo grande per le nostre capacità.


Dopo quel primo momento di défaillance ho fatto in modo di alzare immediatamente la testa, e di tornare alla guida. Non mi sono spaventata e non ho lasciato che le mie capacità venissero messe in dubbio: un attimo dopo ero già fra la polvere, pronta per continuare la mia avventura.

Quelle trascorse insieme alla HONDA CRF250L sono state due giornate assolutamente entusiasmanti, di prove e innamoramento. Sono certa che se volessi consacrare una zona del mio garage alla custodia di una moto con la quale divertirmi senza pensieri la scelta ricadrebbe senza dubbio su di lei.

Perché è il mezzo perfetto, anche per noi donne dall’altezza limitata, per buttarsi nella mischia e uscirne ridendo a pieni polmoni.

© 2018, MYDIGITALPASSION s.r.l., riproduzione riservata.

Seguici sui social!

La tua passione più grande, Motospia.it!