Motospia

Custom/cruiser BMW del futuro svelata dai prototipi

custom/cruiser

La BMW ha deciso di tornare con forza nel mondo custom, dopo la non felicissima esperienza della R 1200C di fine anni ’90. Per preparare il terreno a questo ritorno, gli emissari della Casa tedesca hanno consegnato il prototipo del nuovo motore boxer a diversi atelier di celebri customizzatori. Chiedendo loro di elaborare una proposta sulla base di quel motore. Nel dicembre scorso fu svelata la creazione dei giapponesi di “Custom Work Zon”. Ora è la volta  degli americani di “Revival Cycles”.

Una nuova BWM custom/cruiser sarà presentata nel 2020. E per spianare la strada al suo progetto ha scelto un percorso davvero inusuale. I suoi tecnici e stilisti hanno consegnato ai più affermati customizzatori mondiali il prototipo del nuovo motore boxer bicilindrico che equipaggerà la loro creatura. E ad ogni atelier interpellato hanno chiesto di elaborare una proposta di design e di esporla alle fiere dedicate agli appassionati del mondo custom nei rispettivi Paesi.

Si è partiti dal mondo custom/cruiser giapponese.

Il primo a rispondere all’appello era stato, nel dicembre scorso, l’atelier giapponese “Custom Work Zon” di Yuichi Yoshizawa e Yoshikazu Ueda. I due hanno esposto la loro Departed (questo il nome del prototipo realizzato) all’“Hot Rod Custom Show 2018” di Yokohama.

custom/cruiser

custom/cruiser

Ora è il turno degli americani di Revival Cycles, guidati da Alan Stulberg, che hanno elaborato la loro “Revival Birdcase ispirandosi alla moto di Ernst Hennes che negli Anni ’20 e ’30 conquistò diversi record di velocità. 

La proposta USA si ispira ad una moto da record degli Anni ’20 e ’30.

Attorno al possente prototipo del nuovo bicilindrico Boxer (che in BMW definiscono non a caso “Big Boxer”), Alan Stulberg ha costruito un affascinante ed essenziale telaio a traliccio in titanio.

La Revival Birdcase è stata presentata l’11 aprile nel corso di un esclusivo evento collaterale dell’ “Handubuit Show di Austin, in Texas.

Alan Stulberg, numero uno della Revival Cycles ha affermato che «L’intento era di mettere in risalto al massimo il motore BMW, volevamo essere più trasparenti possibile con le sovrastrutture, e con questo telaio pensiamo di esserci riusciti. Da qualunque angolo la si guardi, puoi vedere chiaramente il motore e la trasmissione della moto».

Per crescere nelle vendite bisogna guardare al mondo custom/cruiser USA.

Secondo Timo Resch, vice presidente Sales e Marketing di BMW Motorrad, «La Revival Birdcase mette assolutamente il risalto il nostro nuovo Big Boxer. Anche noi presenteremo un prototipo di custom/cruiser a metà 2019, e lanceremo il nuovo modello nel corso del 2020. BMW vuole crescere ed entrare nel segmento custom/cruiser del mercato statunitense è uno dei driver che abbiamo deciso di adottare per supportare la crescita nel prossimo futuro».

Riguardo al motore, che è visibilmente ispirato alle BMW degli anni ’60, Timo Resch non si è sbilanciato sulle caratteristiche tecniche. L’unica cosa che si può intuire è che la cilindrata sarà molto “importante”.

© 2019, MBEditore, riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

    acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto

    Seguici sui social!

    La tua passione più grande, Motospia.it!