Motospia

Va in museo la Honda Super Hawks protagonista de “Lo Zen e l’arte della manutenzione della motocicletta” 

zen

La vedova di Robert Pirsig, autore de “Lo Zen e l’arte della manutenzione della motocicletta” ha donato allo Smithsonian Museum di Washington la Honda CB 77 e tutte le attrezzature usate dal marito nel famoso viaggio del 1968 che fu ispirazione per il suo libro venduto in oltre 5 milioni di copie.

Robert Pirsig, autore del best seller internazionale “Lo Zen e l’arte della manutenzione della motocicletta” è morto all’età di 88 anni nel 2017. E ora la sua Honda CB77 Super Hawk che è stata il fulcro del libro è stata donata allo “Smithsonian Museum”. Dopo essere stata conservata per decenni nel garage della famiglia nel New England, la moto è stata recentemente restaurata. Ed è stata regalata al prestigioso museo dalla vedova di Pirsig, insieme alla sua giacca di pelle, le mappe, il manuale di officina, le cassette degli attrezzi e altri attrezzi usati nel viaggio del 1968 che ispirò il libro di Pirsig.

zen

“Lo Zen e l’arte della manutenzione della motocicletta” è stato pubblicato nel 1974, dopo essere stato respinto da ben 121 case editrici. «Il libro è geniale oltre ogni immaginazione», scrisse poi l’editore Morrow James Landis prima della pubblicazione. «Probabilmente è un’opera di un genio e, scommetto, raggiungerà lo status di “classico della letteratura».

In effetti, il libro è diventato rapidamente un best-seller e si è dimostrato durevole come opera di filosofia popolare. Un viaggio in moto di Robert nel 1968 attraverso gli USA con suo figlio Christopher fu la sua ispirazione. 

zen

Pirsig è nato a Minneapolis, figlio di un professore di diritto dell’Università del Minnesota. Si è diplomato al liceo a 15 anni e si arruolò nell’esercito dopo la seconda guerra mondiale. Mentre era di stanza in Corea del Sud, incontrò le filosofie asiatiche che avrebbero sostenuto il suo lavoro. Ha continuato a studiare filosofia indù in India e per un certo periodo è stato iscritto a un dottorato di filosofia presso l’Università di Chicago. Fu ricoverato in ospedale per malattia mentale e tornò a Minneapolis, dove lavorò come scrittore tecnico e iniziò a scrivere il suo primo libro.

Il libro è una profonda meditazione filosofica sulla qualità… Pirsig l’avrebbe scritto senza aver usato una Honda?

La Honda CB77 Super Hawk in questione, con motore di 305 cm3, diede al costruttore giapponese la prima fama internazionale a partire dal 1961. Ed era la moto più grande, potente e sofisticata della Honda in quel periodo (albero a camme in testa, avviamento elettrico!). Capace di 9.000 giri/min e 160 km/h con circa la metà della cilindrata della concorrenza britannica, la Honda era anche affidabile e non perdeva olio! Il libro di Pirsig è una profonda meditazione sulla qualità, e senza la Honda per il viaggio, forse non sarebbe stato scritto?

Ad oggi sono state vendute oltre 5 milioni di copie del libro, tradotte in 27 lingue. E quindi l’umile CB prende il suo giusto posto sul National Mall di Washington, accanto all’aereo di Charles Lindbergh, alla Cadillac di Chuck Berry e tutte le altre moto storiche della Smithsonian Motorcycle Collection.

© 2019 – 2020, MBEditore, riproduzione riservata.

Seguici sui social!

La tua passione più grande, Motospia.it!