Motospia

SUZUKI V-STROM ACADEMY 2020 “Dimmi che moto usi…”

V-STROM ACADEMY

Ritornano le esperienze di Marco Gambardella che si confronta con la V-Strom Academy di Suzuki, in sella alla nuova V-Strom 1050

Nell’incantevole scenario (in inglese, si direbbe ‘location’) del Castello di Luzzano, in provincia di Pavia ma equidistante da Piacenza, adagiato sulle prime ma già folgoranti pendici degli Appennini, si svolge l’ormai rodata “Suzuki V-Strom Academy”, giunta in questo 2020 alla terza edizione: una presentazione che in realtà è un corso pratico di guida per conoscere ed apprezzare dal vivo il consolidato prodotto di casa Suzuki, noto a tutti con l’omonimo nome di “Suzuki V-Strom”.
Quest’anno, l’Academy non poteva che essere incentrata sulla novità assoluta, la V-Strom 1050 XT, decisamente rinnovata.

 IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA

Come per tutti i corsi, la giornata inizia con una accoglienza calorosa, per poi passare ad una presentazione del prodotto e alla prova.
Visto che qui si tratta di una Suzuki V-Strom 1050 XT debitamente tassellata, da testare letteralmente “sul terreno”, cioè “non su asfalto”, è d’obbligo fornire anche gli elementi basilari sufficienti per una guida sicura in queste condizioni poiché non tutti i partecipanti hanno mai sperimentato l’ebbrezza di una tale esperienza: io per primo … e ringrazio!
Su un apposito campo già predisposto, il resto della mattinata passa a provare gli esercizi pratici che servono, per chi se ne intende, a cogliere e valutare da subito anche le qualità e la maneggevolezza della V-Strom 1050 XT, appositamente pensata pure per questa forma di utilizzo.
Dopo il pranzo nel “castello” – pranzo qualitativamente ottimo ma… quantitativamente controllato per non annebbiare i riflessi e le capacità motorie dei partecipanti nella straordinaria fase successiva – ecco che viene il bello: nella versione di questo programma, ci attende un itinerario di 25 km tutti in aperta campagna!
Accompagnamento costante… briefing finale… acqua a volontà… alle 17.00 si conclude la V-Strom Academy, un’esperienza che per 300,00 € all inclusive offre una full immersion davvero al top (insomma, l’inglese pare fatto apposta per capirsi!!).

 GLI ISTRUTTORI

Per il lancio della V-Strom 1050 XT, Suzuki offre un cast d’eccezione: gli accompagnatori alla V-Strom Academy sono infatti Nicola Poggio, da trent’anni sulle moto, nonché organizzatore dell’HAT, l’HardAlpiTour, il più grande evento Adventouring d’Europa, e Andrea Beconi, ex Fiamma Gialla, nonché Campione Europeo di Enduro nel 2009 …Meglio di così! E noi siamo onorati di tanta attenzione!

 Suzuki V-STROM 1050 XT – L’essenziale è invisibile agli occhi

Ho poco da aggiungere riguardo alla V-Strom 1050 XT, punta di diamante nel settore per il marchio Suzuki – sicuramente già conosciuta dagli appassionati, provata da molti, apprezzata dai più – se non che l’essenziale non si vede agli occhi.
Se le forme sono ben affilate e in linea col mutamento della tendenza estetica odierna, la grande novità della V-Strom 1050 XT risiede infatti tutta nell’elettronica: facilissima da gestire (ci sono riuscito pure io!!), è il vero “gioiello raffinato e pensante” che oggi controlla questo motore da 1037 cm3 effettivi, offrendo un sicuro supporto (e grandissimo conforto!) al pilota in ogni situazione.

 Suzuki V-STROM 1050 XT – Sorprendente maneggevolezza
240 kili di moto! Incredibile! Solo venti in meno della mia mastodontica Yamaha XT1200 Super Ténéré! Eppure non si direbbe: quando sono salito la prima volta in sella alla V-Strom 1050 XT, sempre bassotta e compatta, avrei messo la mano sul fuoco che era mooolto più leggera. E col tassello indosso, su è giù per i pendii e coi fondi più disparati, ritrovarsi a sudare solo per l’emozione di un’avventura mai provata sinora, e non per lo sforzo di dover spostare o sostenere un macigno ad ogni movimento… è una percezione che rassicura, facendo attribuire pieni voti a questa moto!

 Suzuki V-STROM 1050 XT – Non te l’aspetteresti…
Certo: questa moto non è la moto da fuori strada estremo!
Ma infatti la V-Strom 1050 XT è stata pensata in Suzuki come una enduro stradale che comunque, con le giuste ruote tassellate, grazie alla sua ciclistica e al potente motore, offre ugualmente ampie possibilità per divertirsi e viaggiare su svariati terreni, più che in precedenza. Ragione per la quale è stata pubblicizzata con questa Academy.
Da notare, però! Il percorso pomeridiano prevedeva un apposito passaggio cruciale: una paretina di circa tre metri molto ripida! Con un filo di gas, tra lo stupore di tutti e degli accompagnatori, ogni V-Strom 1050 XT col relativo cavaliere, l’ha superata con estrema e inaspettata facilità!
(Beh… non proprio tutte: la mia, e soltanto la mia, è passata di lì ma per mezzo di un altro cavaliere!!! E chè sò scemo??! A me bastava già tanto essere arrivato sano, salvo e soddisfatto sino lì!)

V-STROM ACADEMY

 SUZUKI V-STROM ACADEMY: innanzitutto, UNA “SCUOLA DI VITA”

In tutta questa esperienza, la V-Strom Academy, mi ha però profondamente colpito una cosa, direi profonda.
Da buon occidentale, col tarlo fisso delle prestazioni, della potenza, della tecnica, del marketing… come linea di fondo dell’intera giornata, mi sarei aspettato la presentazione e l’esaltazione del mezzo, in vista dell’atteso e inevitabile successo commerciale!
E invece no! Le prime parole della lezione sono state: “Cercate di avvicinarvi al fuori strada: potrete allargare… ampliare l’utilizzo della moto! APRITE I VOSTRI ORIZZONTI !! Boschi, pianure, altipiani, spazi aperti… sono alla vostra portata di mano”.
Prima di parlare del “loro prodotto”, ecco il dono prezioso e nobile che Suzuki ha offerto ai nostri animi così spesso imbrigliati in grigie città, imprigionati dentro a code di traffico asfissianti, dove i cervelli sclerano per la routine, i corpi si contraggono per lo stress, e i cuori si paralizzano per frenesia, competizione e arrivismi… … …
APRITE I VOSTRI ORIZZONTI! Parole lontane, di un così lontano Oriente, ma che Uomini tanto diversi e lontani hanno il coraggio di condividere saggiamente, a testa alta e… controcorrente, al cuore di ciascuno di noi: la gratuità, ancor prima dell’interesse commerciale! Il mio proprio e profondo Bene personale, prima ancora del loro business aziendale!
“Con CALMA, fate tutto sempre con calma. La calma sempre in tutto! E ricordate: RESPIRATE! Respirate sempre! Quando vi prende la paura, respirate a fondo!”
Eravamo a un corso… ci ritroviamo dentro a un mantra cosmico! Cavoli!! Più vita di così??!!!

 SUZUKI V-STROM 1050 XT – Una moto grande, per una Grande Filosofia

Chiedo scusa agli esperti… ma in quest’ottica rileggo allora il “prodotto Suzuki V-Strom 1050 XT”, tanto più che Suzuki stessa spesso mette una logica e una vocazione precise dentro ai suoi prodotti (cfr. Katana, Hayabusa), ispirandosi a profondi valori e tradizioni remote ma intramontabili.
Ripensandoci bene, appunto… sarà che la moto in uso era pure gialla con la sella blu, ma con quel ronzio del motore non invasivo, e la voce corposa ma non irruente dello scarico originale, siamo stati di così poco disturbo nell’ambiente che ci accoglieva e avvolgeva che, in qualche modo, ci siamo sentiti parte integrante della natura circostante!
Tutto questo, quindi, anche per mezzo di un mezzo – la motocicletta – che per quanto corpo meccanico, è però in funzione e al servizio di una Funzione e un Servizio ben più alti che il mero piacere o l’egoistico divertimento ad ogni costo.
Ecco! Ho colto una Suzuki V-Strom 1050 XT ideata e offerta all’uomo perché l’Uomo si ritrovi, e perché deve ritrovare se stesso grazie alla Natura e dentro alla Natura, con una vita rispettosa e grata, finalmente inglobata e nuovamente ancorata nel cuore dell’Universo che ci circonda.
Grazie Suzuki. C’è da inchinarsi alla Vostra Sapienza.

E tu, caro Amico motociclista, a questo punto: “dimmi che moto usi, e ti dirò chi sei”.

 L’ESPERIENZA DELL’AUTORE ALLA ACADEMY

Per quel che mi riguarda, la Suzuki V-Strom 1050 XT è promossa a pieni voti!
Riconosco infatti che per essere stata in assoluto la mia prima volta fuori dell’asfalto, sia negli esercizi del mattino che sul percorso del pomeriggio, con pendenze importanti e fondi diversi, grazie alle nozioni basilari impartite da Nicola e Andrea, grazie alla V-Strom 1050 XT tassellata a dovere e, sicuramente, grazie alla sua elettronica intelligente, è stato facilissimo “lasciarmi andare”, trovando subito un ottimo feeling, ossia sicurezza e fiducia in ogni condizione di percorrenza.

V-STROM ACADEMY

 DOMANDA FINALE: è corretto tradurre OFF ROAD con FUORI STRADA?

Mi è venuta una domanda. E chiedo da inesperto: ma è giusto tradurre “off road” con “fuori strada”?? Io non trovo sia l’espressione più corretta! Per quanto non suoni altrettanto bene, quando alla moto metti il tassello, forse sarebbe più giusto e onnicomprensivo parlare di “off asphalt”, perché in realtà, quelle che abbiamo percorso letteralmente “su e giù” erano comunque tutte strade: anzi, “sicuramente strade”, benché “diversamente strade”; non eran grigie (d’asfalto), ma bianche rosse e verdi (giuro: ghiaino, terra e pratoni)!! Però c’era pur sempre una traccia da seguire e percorrere: sentiero o passaggio che fosse, per me, era dunque una… “road”, e noi ne eravamo tutt’altro che… “off”!
Solo alla fine del tour, quasi tutti si sono poi lanciati effettivamente “fuori” di queste, in un autentico, per quanto breve e delimitato, “off road”. Tranne il sottoscritto, appunto! Perché, cotto com’ero, mi son proprio chiesto: “Ma ammé, chi mm’o fa fà??”
Onestamente quindi, a conclusione di questa bellissima e ricchissima esperienza, dico che per ora, personalmente, nella Natura ci tornerò spesso e volentieri, ma ancora con gli scarponi ai piedi; d’altra parte, ho ancora tanto asfalto da percorrere per scoprire e raggiungere comunque innumerevoli posti incantevoli dove continuare ad allargare i miei orizzonti! …

V-STROM ACADEMY

Bye Bye!

 

© 2020, MBEditore, riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

    acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto

    Seguici sui social!

    La tua passione più grande, Motospia.it!