Motospia

Suzuki continua a lavorare sul Burgman a idrogeno La vera alternativa pulita ai motori a combustione interna

burgman idrogeno

Dal 2009 Suzuki sta lavorando su un Burgman con cella a combustibile. E sappiamo che i costruttori giapponesi, sia auto che moto, puntano forte su questa soluzione come alternativa definitiva ai motori endotermici. Ora dalla Germania arriva un nuovo brevetto Suzuki per il Burgman a idrogeno. 

Suzuki sta lavorando da moltissimo tempo ad uno scooter Burgman alimentato a idrogeno con cella a combustibile. Quella che in realtà sarebbe la vera (e unica al momento) alternativa pulita ai motori endotermici. Il primo Burgman a idrogeno è stato mostrato al Tokyo Motor Show del 2009. Nel 2011 è stato omologato per uso stradale. E nel 2017 una flotta di 7 Burgman a idrogeno è stata assegnata alla polizia di Londra per una fase di sperimentazione di 18 mesi. 

burgman idrogeno
La versione del 2017 assegnata alla polizia londinese.

 

Oggi arriva la notizia che Suzuki ha presentato in Germania una domanda di brevetto per una nuova versione del suo scooter “ecologico”.  Che differisce in diversi particolari tecnici rispetto ai modelli finora conosciuti.

burgman idrogeno
Una delle prime versioni.

 

Infatti, finora il serbatoio dell’idrogeno era posizionato sotto il pianale. Nel nuovo brevetto è stato posizionato più avanti, e sono cambiate le cose anche per il gruppo motore elettrico/trasmissione, ora inglobati nel braccio oscillante e con il motore sempre nel mozzo ruota. Il raffreddamento del motore è ad aria, quando su alcuni dei prototipi precedenti era a liquido.

burgman idrogeno
Il nuovo brevetto.

 

Il sistema di controllo per il funzionamento della cella a combustibile (più piccola), e la batteria si trovano sotto la sella.

© 2021, MBEditore, riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

    acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto

    Seguici sui social!

    La tua passione più grande, Motospia.it!