Motospia

Sfida ARAI e X-LITE oltre le difficoltà

Cari amici di Motospia.it eccoci al penultimo appuntamento della stagione agonistica. Il nostro Long test con protagonisti due dei migliori caschi racing top di gamma presenti sul mercato, ovvero Arai RX – 7V e X-Lite X803 Ultra Carbon, sta per giungere al termine.

Chi sarà il vincitore della sfida ARAI e X-LITE ? Lo scopriremo presto…

Oggi a Franciacorta si prospetta una situazione difficile. Tra le molteplici sfortune che hanno accompagnato le gare sino a oggi, mi trovo a dover correre con una moto mai provata prima. La ragione: un pilota che ha utilizzato la mia moto per una gara di in altro campionato, è incappato in una rovinosa caduta; con conseguente disintegrazione del mezzo… Il Tecnicamoto racing team ha dovuto fare i “salti mortali” per trovare una moto nei pochi giorni che avevano a disposizione tra una gara e l’altra. La soluzione è stata recuperare una Yamaha R1 incidentata (ma recuperabile) che ha corso lo scorso anno con il mio compagno di squadra Massimiliano Palladino. Decido quindi di prendermi il sabato libero (cosa che non faccio mai a causa del mio lavoro) così da poter testare e sistemare la moto per la gara. La solita sfortuna invece ha fatto sì che il meteo non fosse dalla mia parte; piove a dirotto…. dovrò fare in qualifica il lavoro di messa a punto.

Domenica 22 luglio, sfida ARAI e X-LITE Q1

Il caldo è torrido, le qualifiche iniziano alle 9,23 ed è il turno di X-lite. L’aereazione interna rimane il limite di questo casco. Con caldo e umidità elevati fatico a respirare come vorrei; in pista mi accorgo che la presa d’aria sulla mentoniera funziona bene con la testa diritta; mentre è molto meno efficace con il capo inclinato in posizione aerodinamica. Cerco subito il ritmo giusto; la visibilità ottima del casco e la sua leggerezza mi consentono di guidare al limite senza sforzo. Le tante moto presenti in pista invece, non mi permettono di compiere un giro perfetto; chiudo la Q1 con un tempo molto inferiore alle mie potenzialità.

sfida ARAI e X-LITE

Ore 11,30 – sfida ARAI e X-LITE Q2

Dopo qualche minuto di ritardo dovuto alle numerose cadute nelle categorie che ci precedono, è il turno di Arai. La miglior aereazione interna mi consente di respirare meglio; il peso invece è proprio una delle caratteristiche che sopporto meno. In pista mi concentro e con le prese d’aria completamente aperte sudo pochissimo. L’apertura della visiera è ancora più ampia rispetto a quella di X-Lite e la cosa non mi dispiace. Le imbottiture laterali rispondono bene alle sollecitazioni e provo a migliorare il mio crono senza riuscirci. La moto che sto usando è nettamente inferiore rispetto a quella delle precedenti gare. Mi qualifico in nona posizione.

sfida ARAI e X-LITE

Parentesi paddock sfida ARAI e X-LITE. Come al solito chiedo agli appassionati presenti quale dei due caschi piace di più; e questa volta entrambi sono apprezzati. Nessun vincitore; parità per estetica e preferenza di marchio. Un’unica parentesi a favore di X-Lite è dovuta dal fatto che il mio compagno di squadra ha scelto di acquistare X-Lite 803 Ultra Carbon dopo aver distrutto il suo precedente casco; e dopo avermi chiesto pregi e difetti di uno e dell’altro.

Gara1 ore 13,50 sfida ARAI e X-LITE

sfida ARAI e X-LITE

In griglia di partenza il caldo è davvero insopportabile. X-Lite con la poca aereazione – pur migliorata rispetto al vecchio X-802RR – mi fa sudare ma l’interno in carbon fitting compensa con un ottimo assorbimento. Il semaforo rosso si spegne; la partenza è uno dei miei punti forti e alla prima curva ho già recuperato parecchie posizioni; il ritmo è elevato ma non riesco ancora a guidare questa moto come vorrei; il motore sembra stanco e la frizione pure. Nonostante riesco ad uscire forte dalle curve, fatico sul dritto ad avvicinarmi al pilota che mi precede. Giro dopo giro, X-Lite è così leggero e perfettamente adeso alla mia testa da farmi sentire un tutt’uno con esso. Una sensazione piacevole che mi concede la massima concentrazione. All’ultimo giro sono quinto e ho raggiunto il pilota in quarta posizione; ma non riesco a sorpassarlo e mi accontento del buon piazzamento in vista del campionato.

sfida ARAI e X-LITE

Gara2 ore 18,15 sfida ARAI e X-LITEsfida ARAI e X-LITE

Il caldo non si è ancora attenuato. In griglia Arai mi fa sudare meno di X-Lite. Il semaforo rosso si spegne; parto bene come in gara1 e recupero subito numerose posizioni ma….il pilota in prima posizione (altro mio compagno di squadra) cade in un punto pericoloso e la gara viene sospesa; si dovrà ripartire; nel frattempo l’attesa ai box è lunga e il peso di Arai mi dà fastidio; tanto è vero che mi devo sorreggere con la mano per evitare di stancare il collo in previsione dell’imminente partenza. Finalmente si riparte. Il semaforo rosso si spegne; scatto bene anche se la frizione slitta leggermente; sono ancora quinto e provo a spingere per guadagnare una posizione. La moto però non è al 100% e preferisco non rischiare troppo. Mi accontento della quinta posizione e chiudo quarto assoluto grazie alla media dei due posizionamenti;

sfida ARAI e X-LITE

Concludo questa giornata con un po’ di amarezza per via della moto; ma soddisfatto di entrambi i caschi; che si sono asciugati in pochissimo tempo nonostante il sudore abbondante dovuto al caldo; entrambi puliti con acqua e un panno morbido, sembrano non essere mai stati utilizzati, i cinturini non presentano segni di usura, così come le grafiche, le imbottiture, le visiere e le guarnizioni. Penso che se unissimo le peculiarità di Arai e X-Lite in un unico prodotto si otterrebbe un casco praticamente perfetto.

Il prossimo appuntamento della sfida ARAI e X-LITE sarà a Varano il 9 settembre; data in cui mi giocherò il campionato con altri cinque piloti. La sfida è apertissima; la moto sarà il grosso punto interrogativo; i caschi Top invece, i miei alleati più preziosi. La gara decreterà il vincitore della nostra sfida.

Sfida ARAI e X-LITE…. To be continued….

© 2018, MYDIGITALPASSION s.r.l., riproduzione riservata.

Seguici sui social!

La tua passione più grande, Motospia.it!