Motospia

Ride for Life: 10 euro per finanziare la ricerca. Manca solo Rossi

ride for life 2016 locandina

Ride for Life torna all’autodromo Ferrari di Imola (19/20 novembre). L’appuntamento griffato Riders4Riders Onlus, raduna tanti campioni a sostegno della ricerca per la cura delle lesioni al midollo spinale. Novità assolute Food Truck e Passatore Bike Day, biglietto d’ingresso abbinato alla lotteria.

Riders4Riders Onlus alza il velo sulla 7° edizione di Ride for Life, la sfida dei campioni. Per il secondo anno consecutivo l’evento benefico a sostegno della ricerca per la cura delle lesioni al midollo spinale approda all’autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola nel week end del 19-20 novembre 2016.

Patrocinata dalla FMI e dal Comune di Imola, la manifestazione che ha un biglietto d’ingresso di 10 euro, abbinato ad una ricca lotteria a premi, abbraccia ancora una volta la generosa partecipazione di grandi campioni delle due ruote motorizzate. Protagonisti assoluti sulle rive del Santerno i beniamini della velocità e dell’off-road: i titoli iridati di Loris Capirossi, Marco Melandri, Andrea Dovizioso, Lorenzo Savadori, Leandro Mercado, Manuel Poggiali, Ayrton Badovini, Alessandro Gramigni, la classe di Alex De Angelis, Franco Morbidelli, Simone Corsi, Michele Pirro, Matteo Baiocco, il campione di enduro Alex Salvini, i crossisti Andrea Bartolini, Alessandro Lupino, Michele Cervellin, Simone Bernardini, Ivo Monticelli e Angelo Pellegrini sono solo alcuni dei blasonati nomi che si cimenteranno in variegate sfide all’interno dell’arena allestita nel paddock 2 della pista romagnola.

ride for life 2016 garaSulla scia del successo riscosso sin dalla prima edizione, continua l’amichevole bagarre tra piloti sulle Pit Bike, mentre sul fronte delle bici MTB il “Trofeo Andrea Antonelli” propone l’originale staffetta a coppie della durata di 20 minuti con cambio ogni 2 giri.

Il programma della due giorni imolese prevede, inoltre, le esibizioni dei freestyler MX del gruppo DABOOT, gli spettacoli Quad Evolution di Roberto Poggiali, i trofei “Riders4Riders Supermotard” (con categoria On Road per i velocisti) e “Riders4Riders Minicross 65” (debuttanti-cadetti), sessione autografi con tutte le stelle del circus presenti. Le sorprese però non finiscono qui perché Ride For Life sdogana tre autentici elementi di unicità per l’edizione 2016: Food Truck Ride For Life 016, il quarto sigillo del Passatore Bike Day ed il Ride For Life Party 016 serale.

Cominciamo con ordine: la consacrazione del fenomeno gastronomico contemporaneo dello Street Food stuzzicherà il palato del pubblico presente attorniato da 20 postazioni culinarie con le migliori specialità della cucina nazionale ed internazionale da take away.

Ciclismo e motociclismo si scindono in una magica alchimia a fondo benefico portando sul nastro d’argento del Ferrari la 4° edizione della corsa cronometro amatoriale a squadre “Passatore Bike Day”. Due giri di pista con partenze regolamentate ogni 3 minuti, 4/6 atleti accompagnati da un professionista, la presenza dei Pro Alan Marangoni, Moreno Moser, Davide Formolo, Alessandro Malaguti, Matteo Montaguti, Manuel Belletti e molti altri garantiranno uno spettacolo a 360° senza precedenti.

La serata di sabato 19 novembre è Ride For Life Party 016, l’esclusiva festa benefica che scalderà il cuore motoristico di Imola con la Dj Rotation (previste numerose special guest in consolle), la musica live dei Rain ed altre band, l’elezione di Mister Ride For Life 2016 selezionato tra i piloti invitati ed i ciclisti Pro presenti (giuria tutta al femminile con 4 splendide modelle) e fiumi di birra. Come detto, al biglietto d’ingresso, del costo di 10 deuro, è abbinata una lotteria (estrazione domenica 20 novembre, dalle ore 17.15, a chiusura della manifestazione): tra i premi più ambiti 1 pit bike, 1 mountain bike, 1 televisore e 12 Pass per vivere all’interno del paddock le tappe italiane della MotoGP, del Mondiale Superbike e della MXGP.

Cos’è Ride For Life

Ride For Life è una manifestazione sportiva a scopo benefico il cui ricavato è destinato all’assistenza di agonisti delle due ruote rimasti vittime di gravi infortuni in gara o allenamento e al sostegno della ricerca scientifica che si occupa della cura delle lesioni del midollo spinale. L’evento è nato sei anni fa a Faenza grazie all’impegno di Riders4Riders Onlus, alla quale dopo due edizioni si è affiancata la Marina Romoli Onlus, coinvolgendo oltre ai piloti nomi importanti del ciclismo italiano e internazionale.

© 2016 – 2017, MYDIGITALPASSION s.r.l., riproduzione riservata.

Seguici sui social!

La tua passione più grande, Motospia.it!