Motospia

REIM, ROYAL EINFIELD ITALIAN MEETING 2018: DALLA PICCOLA AGAZZANO TANTA PASSIONE

Creare un evento è da tutti, ma concentrare e mixare atmosfera da bar e presenza ufficiale come al REIM 2018 è da pochi, pochissimi.

Un marchio pieno di storia in una piazza densa di storia: connubbio perfetto (photo Alberto Cervetti)

REIM 2018. Agazzano, piccola comunità della provincia di Piacenza, ha accolto il REIM, Royal Enfield Italian Meeting, evento dedicato agli appassionati di motociclette Royal Enfield, la casa motociclistica nata in Inghilterra nei primissimi anni del 1900 ed oggi parte del gruppo indiano Eicher Motors. Per due giorni, dal 30 giugno al 1 luglio, la silenziosa comunità emiliana è stata pacificamente invasa da poco meno di 150 Royal Enfield che, partendo dalla suggestiva piazza principale della città (a pochi passi dalla storica Rocca di proprietà della famiglia Gonzaga-Scotti), hanno esplorato i paesaggi e le curve della Val Tidone, della Val Luretta e della Val Trebbia.

La Himalayan in azione sullo sterrato (photo Alberto Cervetti)

Le parole di uno dei membri del Club Royal Enfield Riders of Italy, che ha organizzato REIM 2018, trasudano emozione:
“Il REIM è un raduno atipico: è il connubio tra il tipico incontro pane e salame tra tanti amici motociclisti che già si conoscono e un evento più istituzionale, dove anche la casa madre partecipa attivamente senza però intaccarne lo spirito o peggio monopolizzare l’attenzione. Il tutto scegliendo una location affascinante e immergendosi nel tessuto locale, coinvolgendo tanto la cittadinanza quanto il concessionario locale Royal Enfield. Gli enfielder italiani sono una comunità piena di entusiasmo e in costante aumento e hanno risposto in forze a una chiamata che si ispira al Royal Enfield Rider Mania, il raduno mondiale del marchio che si tiene ogni anno a Novembre a Goa, in India.”
Al termine dei due giorni, la soddisfazione tra organizzatori e partecipanti è davvero tanta: nel giro di pochi anni questo piccolo incontro tra appassionati del marchio ha raggiunto dimensioni di portata internazionale (tra i partecipanti anche un equipaggio spagnolo) e si sono creati i requisiti giusti per puntare nei prossimi anni a diventare una specie di Rider Mania Europeo; inoltre, i vari partecipanti all’evento hanno potuto testare la gamma RE (dove la Himalayan sta conquistando sempre più cuori e consensi https://www.motospia.it/long-test-royal-enfield-himalayan-il-nostro-giro-per-leuropa/ ), vedere dal vivo le novità e la concept bike su base Himalayan preparata dall’importatore italiano oltre a immergersi nella cultura storica e enogastronomica del piacentino.

La fortezza e la Rocca di Agazzano, dall’alto.

Con modestia e umiltà, valori che hanno sempre caratterizzato la storia di Royal Enfield, è stato possibile creare un evento a misura di appassionato; le manifestazioni come queste sono le migliori per poter capire ciò che la gente vuole davvero: forse, qualche Grande Casa si è lasciata sfuggire la possibilità di prendere appunti.

 

© 2018, MYDIGITALPASSION s.r.l., riproduzione riservata.

Seguici sui social!

La tua passione più grande, Motospia.it!