Motospia

“RC familiare”: slitta a febbraio l’applicazione… fregatura in vista?

rc familiare

Il 3 dicembre avevamo scritto della bella novità in arrivo con la nuova finanziaria: la “RC familiare”. Cioè la possibilità di assicurare tutti i mezzi di famiglia con la tariffa più bassa fra quelle spettanti ai componenti del nucleo familiare. Ora le assicurazioni hanno ottenuto lo slittamento dell’entrata in vigore del provvedimento al 16 febbraio… Fregatura in vista?

Circa un mese fa, quasi increduli, scrivevamo che nella nuova legge finanziaria che il governo stava preparando, c’era una norma particolarmente favorevole per gli utenti della strada e per i motociclisti in particolare. Si tratta della cosiddetta “RC familiare”, un miglioramento e una estensione della cosidetta “legge Bersani” anche alle 2 ruote. Consente di assicurare auto (e ora anche moto) con la classe di merito più favorevole fra quelle “conquistate” dai componenti del nucleo familiare, anche se il mezzo non è intestato a chi ha la classe di merito migliore. Basta che figuri nello stato di famiglia. L’importante è che non risultino incidenti con responsabilità esclusiva o paritaria negli ultimi 5 anni. 

Inoltre, e questo forse è ancora più interessante per i motociclisti,  Anche chi, avendo l’auto in classe 1, era prima costretto a partire dalla 14.ma classe quando comprava la moto o lo scooter, ora potrà pretendere di usare la stessa classe della sua auto. Potremo utilizzare la nuova norma sia sulle vecchie polizze (facendone richiesta alla scadenza) che sulle nuove polizze.  

Le assicurazioni hanno fatto subito muro contro questo provvedimento.

Ebbene, nell’articolo del 3 dicembre facevamo notare che le assicurazioni, per bocca della loro associazione ANIA, si erano subito espresse contro il provvedimento della “RC familiare”. Con un fumoso comunicato, avevano fatto sapere che gli automobilisti e motociclisti in realtà non avrebbero tratto vantaggio da questo provvedimento. Boh… Se lo dicono loro… L’unica cosa che si capiva da quel comunicato (e dalle interviste rilasciate alle TV nazionali dal segretario generale ANIA Umberto Guidoni) era che le assicurazioni avrebbero subito cercato di alzare le tariffe. 

Adesso, con l’approvazione del decreto Milleproroghe, si viene a sapere che l’applicazione del provvedimento definito “RC familiare”, slitta al 16 febbraio… C’è da essere sicuri che il lavoro della potentissima lobby delle assicurazioni sia riuscito ad ottenere questo slittamento. In questo modo si sono assicurati il rinnovo a vecchie tariffe di tutte le polizze in scadenza a gennaio… E non è poca cosa. E poi c’è da temere che il rinvio serva soprattutto a loro per elaborare nuove strategie (e nuove tariffe) per far si che la cosa si risolva in una bolla di sapone (per noi).

© 2019, MBEditore, riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

    acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto

    Seguici sui social!

    La tua passione più grande, Motospia.it!