Motospia

L’OLIO MOTORE, COSTA MOLTO MENO AL SUD

L’olio motore è un prodotto centrale, funzionale e estremamente delicato per un migliore utilizzo della nostra moto o dello scooter. L’utente, dall’acquisto del veicolo tende dimenticarsene, e pensa a cambiare il prezioso liquido quando casualmente un addetto ai lavori glie lo ricorda e lo convince, oppure quando il mezzo comincia a dare segni di insofferenza all’utilizzo del mezzo.

Qualunque sia il motivo, non si interviene se non molto tempo dopo i limiti consigliati dalle case. Il famoso tagliando ogni x mila km o ogni anno, è un’indicazione spesso trascurata, soprattutto, quando terminata la garanzia, l’utente è solito dimenticarsene del tutto.

Seguite il nostro consiglio: l’olio motore è molto, molto importante e va sostituito, anche se non c’è la percorrenza, perché, non solo per la percorrenza kilometrica, ma anche col passare del tempo, tende a perdere le proprietà intrinseche, e quindi a non svolgere più il proprio compito.

Siamo alla riapertura della stagione, bisogna fare il tagliando! Come per le persone, anche per le moto prevenire costa meno che curare.

Cosa dobbiamo fare? Dobbiamo scegliere l’olio motore giusto, la marca e la viscosità più adatta al veicolo. Cosa devo spendere, e l’olio quanto costa? Abbiamo cercato di capirlo facendo quello che ogni consumatore del terzo millennio fa, apre google, scrive il nome e le caratteristiche dell’oggetto ricercato e digita “shopping”.

Noi lo abbiamo fatto per voi … ci siamo concentrati sui 3 brand più noti nel mondo due ruote e rappresentano una percentuale bulgara dello stesso mercato: MOTUL, BARDAHL e CASTROL … più che produttori i primi due sono miscelatori, queste case non amano pubblicizzare i loro prezzi che non vengono pubblicati sul sito web (eccetto Bardahl, in piccolo) della casa, i listini ufficiali sono solo per gli addetti ai lavori, lasciati liberi di prezzare il prodotto venduto secondo le disponibilità individuate dal rivenditore nel portafoglio del cliente (come sempre i meno accorti e informati pagano di più).

MOTUL: vale da sola poco meno dei 2/3 del mercato moto italiano. E’ un’azienda familiare francese che pochi conoscevano prima delle immense sponsorizzazioni che la vedono protagonista nelle competizioni Dorna. Non è un’azienda petrolifera, cioè acquista il prodotto raffinato e semilavorato da altri e aggiunge additivi.

Olio motoreIn Europa fanno quasi tutti così. Motul ha una gamma completa di olii motore, la nostra ricerca è andata sul 7100 10W40 in due diverse confezioni, da uno e da 4 litri. Il range di prezzi è di oltre il 50%, il litro va da 9,90 a oltre 15 euro, e lo stesso 50% si ha sulle confezione da 4 litri. La casa francese interpellata si rifiuta di controllare i prezzi e si lamenta perché non ha prodotto e la domanda è fortissima.

Olio motore

BARDAHL: è Maroil,  un’azienda italiana che acquista il semilavorato dalle petrolifere e le mischia con additivi acquistati in America, i volumi di vendita sono decisamente contenuti. Negli anni ’70 contendeva la leadership del mercato moto a Castrol. L’azienda “dice di avere il migliore prodotto sul mercato”, ma allo stato non ci sono test che lo dimostrino. È fra le 3 marche valutate l’unica a mettere un prezzo di listino sul proprio sito, anche se sul web capita di vedere proposte di sconti percentuali da “ultimo giorno dello svuotatutto del negozio che all’indomani chiude”.

olio motore
Dal sito Bardahl, l’unico tra le 3 case che abbiamo analizzato che pubblica un prezzo di listino, anche se poi non viene tenuto in grande considerazione.

Bardahl è stata, con Castrol, l’olio di riferimento, i prezzi negli anni 70 e 80 non si discutevano, la qualità prevaleva, oggi gioca sui prezzi bassi. Abbiamo preso in considerazione il XTC60 10W40 un olio di media gamma, stando al posizionamento dato dalla casa. QUI ABBIAMO ANCHE IL 70% DI DIFFERENZA. Da 10 a quasi 17 Euro sulla confezione da litro. Le motivazioni, si ha ragione di presumere, che risiedano nelle scelte commerciali voluta dalla direzione di Maroil “gli agenti Bardahl sul mercato coincidono spesso con quelli di SGR, ma vendono lo stesso prodotto con listini diversi”. Il marchio Bardahl è della toscana Maroil di proprietà Elio Marchetti, imprenditore che ha diverse attività nella zona tra Lucca e Pisa, che ha scelto per le vendite del suo prodotto una politica indirizzata a facili volumi di vendita anche se meno redditizi.

olio motore

CASTROL: è di proprietà di BP. Negli anni, da posizione dominante, prima si era fatta scalare da BARDAHL ed oggi da Motul. Castrol è super impegnata a competere su mercati più importanti come quello dell’auto. Abbiamo scelto il Power1 10W40. La lotta dei prezzi qui raggiunge l’apice, la differenza risulta essere superiore al 100% da €7,50 a €15,97. Ma evidentemente l’unica petrolifera del lotto, un tempo distribuita in esclusiva da Bergamaschi, dimostra nei fatti di non avere molto interesse al settore due ruote.

Olio motore

LE ACCISE: i produttori/distributori di olii devono un’accisa allo stato calcolata in circa 800 Euro per tonnellata. Quindi del prezzo del nostro olio 0,80 Euro vanno subito allo Stato. Se a questo aggiungiamo l’iva, variabile nell’importo ma non nella percentuale (22%) cosa rimane a chi vende il Castrol a €7,50 o il Bardahl a 10 Euro?

E anche se non ci interessassimo delle dinamiche del mercato, ma tornassimo a vestire i panni del motociclista che tira via il telo e riattacca la batteria, quale prezzo sarebbe quello giusto per un olio?

È difficile mettersi nei panni del motociclista ma secondo le offerte del web, nel sud Italia l’olio per moto si compra alle migliori condizioni.

© 2019, MYDIGITALPASSION s.r.l., riproduzione riservata.

Seguici sui social!

La tua passione più grande, Motospia.it!