Motospia

La parola alla “seconda”, BMW K 1600 GTL

BMW K 1600 GTL

La parola alla “seconda”

Firenze. Anche a non volerlo, quello che salta subito in mente al solo nominarla, prima ancora della cupola del Brunelleschi o del campanile di Giotto, degli Uffizi o del Ponte Vecchio, è la “Canzone triste” di Ivan Graziani! Forse perché, ad una certa età, non possiamo più ignorarle, né la canzone… né la tristezza!

Eppure stasera c’è ben altro in città: Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti, sarà in concerto col suo Tour “Fantastico 2018”! Che dire?! Rispetto al povero Ivan, tradito dal ‘caro Barbarossa’, il cantante di Cortona deve aver avuto altre esperienze nella vita: “Io-penso-positivo-perché-son-vivo-perché-son-vivo”. È così che conobbi anch’io Jovanotti, tanti anni fa!

L’idea di passare la ‘seconda’ serata della gita scolastica al concerto dello sprintoso cantante, sarebbe ideale! Ma la stanchezza nelle gambe della classe femminile, smorza la possibilità di uscita anche per “la Prof” e “il Prof”. E io, povero autista… cheffò??!

“Ma a lei dunque piace andare in moto?” A fine cena, sferro l’attacco alla Professoressa, avendo captato qualcosa durante il viaggio: “Sì, ho sempre girato in moto; anche prima che conoscessi mio marito, ci andavo in vacanza con gli amici. Ho fatto dei bei giri”. “Ma anche lei guida la moto? – No, non so guidarla, ma sono brava ad andarci: da sempre faccio la seconda!”

Ahh!! C’ho azzeccato!!… Di colpo, mi sintonizzo e mi rivitalizzo su quest’altra musica, che comincia così, piacevole al cuore e gradita alle orecchie: quale sarà l’esperienza di una donna e moglie felice, da sempre abituata a fare da “seconda” in moto?!! Proverò a chiederglielo..

“Scusi, ma non ha mai pensato di imparare? – Nooo, sono sempre stata con persone che avevano moto molto grosse, non sarei riuscita a tenerle neanche in piedi! Anche la moto di mio marito, adesso: è troppo grande per me, non ci penso neanche!

“E… che moto ha suo marito?! – Ahhh, boh?! È una BMW, ma quale BMW ha preso?! Non saprei… ricordo che è un milleesei… c’è un ‘K’ e qualcos’altro… non so bene… credo una G, una L… non ricordo proprio!” Cerco la foto su internet…: “È questa? – ! – È la BMW K 1600 GTL. – Sì, ha ragione: è la BMW K 1600 GTL

 

Comunque – continua la distinta signora – questa BMW K 1600 GTL è la seconda moto di mio marito. O meglio: mio marito è sempre stato un Hondista. Prima aveva la Honda Pan European: se ne vedono poche in Italia, non ha avuto molta fortuna da noi (la signora parla come un’esperta! Ma neanch’io so qual è! Cerco su internet pure questa foto: mizziga, che siluro!!). Poi, per cambiarla – riprende la signora – aveva pensato alla Honda Gold Wing, ma è imponente, troppo grossa! Allora è passato alla BMW. Ma mi creda: ci ha messo un bel po’, almeno due anni per decidersi… finché un bel giorno è venuto e mi ha detto: ‘Ecco, ho trovato: prendo la BMW K 1600 GTL!’”

“Dunque suo marito se la cava bene in moto, se viaggia… sull’onda di una BMW K 1600 GTL?! – Sì, sin da ragazzo mio marito ne ha fatta di strada: ha girato parecchio. La Spagna, per esempio… (e con le mani fa capire che l’ha girata tutta, senza sosta e avrebbe fatto anche di più!). Viaggiavano dormendo in tenda, con tutto l’armamentario! Quarant’anni fa è andato in Scozia: ripete sempre che ha viaggiato più a Whiskies che a benzina: faceva freddo e poi… acqua, acqua, acqua! Bagnati alla partenza, bagnati in viaggio, bagnati alla ripartenza! Non avendo soldi per gli alberghi… ecco l’Whiskey, la sola cosa che li ha scaldati per tutto il viaggio!” E la signora ride divertita, con un pizzico di compassione e di tenerezza…

Comunque mio marito è un appassionato: si muove solo in moto! Ha tutto l’abbigliamento necessario perché è sempre in moto! Talvolta sono preoccupata per lui, ma non c’è niente da fare: impossibile fargli cambiare idea! Le macchine le ha intestate ai figli: ‘Quando serve, mi darete un passaggio’! Come ultimamente…: ha mandato il figlio in macchina, e lui l’ha seguito con la sua BMW K 1600 GTL!

A casa abbiamo di tutto: Quattroruote, Dueruote, addirittura… Ruote classiche! Abbiamo la casa piena (e fa il segno dei tanti “pacchi” di giornali sovrapposti…). Ogni tanto mi dice: ‘Guarda qui… leggi quest’articolo!’ (dalla voce della signora che imita il marito, traspare tutto l’entusiasmo del marito di fronte a quegli articoli!) Oppure addirittura mi lascia sul tavolo ben aperto il giornale per quando passo, come mi lasciasse un messaggio: ‘Devi vedere questo! Non puoi non leggere questo!’… Ogni tanto mi viene vicino e con occhi illuminati mi mostra le pagine aperte e mi dice: ‘Ti ricordi questa?’… Ah! Ah! (la signora ride) Ma come posso ricordarmi, io, di tutte le auto o le moto??!

E vien da ridere anche a me: siamo tutti uguali, noi motociclisti! Dall’età dei bambini… non si è mai più cresciuti! O meglio: si è cresciuti sì, ma si rimane con quella voglia di entusiasmarsi di quando si era piccini (per dirla alla fiorentina!). E ancora ci si meraviglia, e ancora si sogna… E siccome siamo cresciuti e sappiamo farlo, si vorrebbe guidare, guidare la moto soltanto, e girare, e conoscere… con un’ansia e una voglia che non hanno limiti. Forse si vorrebbe addirittura volare, ma cavalcando “due ruote”: curvare e volare, volare e sognare, all’infinito! Nemmeno si sentono più i dolori, sognando motori! Eccoli qui, i “bambini a due ruote”!

E mi viene in mente l’ultimo successo di Jovanotti: “Le canzoni (come le moto, aggiungo, se Lorenzo me lo permette) non devono essere belle: devono essere stelle, illuminare la notte, far ballare la gente. Ognuno come gli pare, ognuno dove gli pare, ognuno come si sente… come fosse per sempre!”

“Scusi, ma… suo marito, come si trova adesso, col passaggio dalla Honda alla BMW K 1600 GTL? – Le dirò: all’inizio, ha fatto un po’ fatica, ma ora ci si trova molto bene, è molto contento! Certo, la BMW K 1600 GTL è una moto particolare: volevamo smontare il nostro Garmin per adattarlo alla nuova moto, ma se non hai il ‘Garmin BMW’ non ti connette vocalmente! Anche i caschi devono essere ‘caschi BMW’ per connetterli al navigatore e agli altoparlanti della BMW K 1600 GTL… Su questo, io e mio marito, non siamo d’accordo e, per principio, continuiamo a usare i nostri caschi, il nostro interfono, e il navigatore lo impostiamo col dito, ogni volta!

Sicuramente – continua la signora – in BMW le cose le sanno far bene e le fanno bene, al top di gamma sicuramente! Però… sarà che siamo italiani, ma viene da pensare che un pelino in più di elasticità non ci starebbe male, con tutto quello che si pagano le motociclette e le manutenzioni specializzate…”

L’argomento meriterebbe qualche approfondimento… ma preferisco continuare ad ascoltare il bel brano musicale che la Professoressa mi sta offrendo questa sera!

“Ma, Signora… mi dica: tra lei e il marito, chi organizza i viaggi, chi sceglie le mete, gli alberghi…? – Io, naturalmente! Sono io che organizzo tutto! E non mi piacciono più le lunghe trasferte: non oltre i 500 km! Sui lunghi tratti, mi capita persino di addormentarmi!! – Ma non è pericoloso???!! – No, no, sonnecchio soltanto! Mio marito vorrebbe comprarmi i braccioli. Sulla Honda li avevamo ma qui, sulla BMW K 1600 GTL, non li voglio. Mi sa da vecchia!!…”

“E qual è il giro più bello rimasto nel cuore? – Bah, non saprei, abbiamo girato talmente tanto… La Puglia! Ma anche la Corsica… il Sud della Francia… la Croazia…” …Cavolacci! Una pugnalata ad ogni nome, che si imprime come imperativo assoluto: “Hai visto??! SON TUTTE DA FARE!!!!”

Comunque, se le piacciono le moto – taglia corto la Prof – deve andare al motoraduno di ‘stoergis’. Guardi su internet, vedrà: migliaia e migliaia di moto! Per lo più Harley-Davidson, ma di tutti i tipi, con i motociclisti più strambi che si possano vedere! Una cosa incredibile e imperdibile! – …’stoergis’…? – ‘Sturgis’! – …Wow! Quanta gente!! Ok! Se andrò in America, partirò da lì!”

Eh sì! Alla fine, c’ha proprio ragione il Jova: “Io-lo-so-che-non-sono-solo-anche-quando-sono-solo-io-lo-so-che-non-sono-solo”…: se ami la moto, non sei mai solo! Molti altri condividono la tua stessa identica passione, quello stesso fremito viscerale che, come un vagito, ti ridona spesso una ‘seconda’ vita. E se nella vita, trovi anche un’amica, una compagna, una moglie che, da ottima ‘seconda’, ti accompagna sempre e ovunque, hai proprio vinto la solitudine e la tristezza più profonda …

Grazie Prof! Stasera, a Firenze, Jovanotti batte Graziani!

© 2018, MYDIGITALPASSION s.r.l., riproduzione riservata.

Seguici sui social!

La tua passione più grande, Motospia.it!