Motospia

Incidenti a Roma: la velocità è la prima causa

Incidenti Polizia Roma Capitale apre

Gli incidenti nella Capitale provocano meno decessi. Lo sostiene la Polizia di Roma in una recente indagine. La velocità e la distrazione sono le causa principale dei sinistri.

Il 64% degli incidenti a Roma sono causati dalla velocità eccessiva degli utenti della strada. Questi dati sono la risultante di una recente statistica presentata dalla Polizia di Roma Capitale che, per la prima volta prende in considerazione gli incidenti verificati nella città dal 2005 al 2016.

Con toni trionfalistici i relatori della Polizia, assumendosene il merito, hanno annunciato che i decessi sono diminuiti. Noi non finiremo mai di stupirci, perché se è vero che i due terzi degli incidenti sono stati causati dalla velocità eccessiva, se è vero che la Polizia di Roma Capitale nulla può con i drogati, i disattenti, gli ubriachi … la Polizia di Roma Capitale al contrario dovrebbe intervenire e punire chi contravviene alla legge … quanti morti in meno solo se ci fosse più presenza sulle strade della capitale, multe salate nei confronti di chi scambia le strade cittadine per circuiti di gara.  Quindi, esistono a Roma dei responsabili che dovrebbero far rispettare il codice dai vigili sulle strade cittadine.

Incidenti UE Italia Roma 1

I dati salienti delle statistiche sull’incidentalità nel perimetro della capitale dicono che Roma è più sicura rispetto alla media europea, che il trend dei decessi avvenuti sulle strade è in forte calo. Ma i dati nazionali e dell’Unione Europea sono fermi al 2015 non comparabili statisticamente con quelli rilevati nel 2016 della capitale.

Incidenti conseguenze lesive 2

Al di là di queste considerazioni, il trend relativo al solo perimetro di Roma evidenzia una diminuzione delle conseguenze lesive di chi ha un incidente stradale. Perché le persone subiscono meno danni? I veicoli sono più sicuri e i controlli più serrati, non certo perché le strade della Città Eterna sono in perfetto stato. Anzi, sicuramente se l’Amministrazione capitolina rifacesse il manto stradale danneggiato (è un eufemismo) e facesse pulire le strade, spesso simili a cloache a cielo aperto, il numero degli incidenti diminuirebbe ancora. Sindaco … si dia da fare e dimostri nei fatti di essere diversa da chi l’ha preceduta.

L’immagine sotto, ancorché significativa, è fuorviante, perché? È piazza San Pietro e nessuno, a meno che non sia il Papa o gli uomini delle forze dell’ordine e della sua scorta, può entrarvi su ruote a motore. Le grandi “adunate” religiose portano tanti fedeli e tanta monnezza… daremo mica la colpa di questo anche al povero Francesco?

San Pietro

Nella ricerca la Polizia sottolinea come stia cambiando il comportamento degli utenti, i quali dimostrerebbero maggiore rispetto per le regole, tanto da presentare una tavola dedicata alle conseguenze degli incidenti a seconda che si usino o meno sistemi di ritenzione (le cinture di sicurezza n.d.r.) piuttosto che il casco. Ma non sono entrambi obbligatori? Come può essere che venga certificato un dato di questo tipo da chi dovrebbe controllare proprio l’utilizzo di questi sistemi? L’uso corretto e costante dei sistemi di ritenuta e il casco indossato da chi utilizza moto e scooter ha permesso di uscire illesi al 78% degli individui coinvolti, ma chi non li usa ne esce illeso 74 volte su 100. Che sia un forte incentivo a non rispettare la legge? … evidentemente non serve? Qualcosa, di quanto letto e scritto non torna! Vorremmo che il Capo della Polizia di Roma Capitale lo spiegasse, non tanto a noi ma … soprattutto a voi.

Incidenti utilizzazione casco

Quindi se la città fosse in ordine, con le strade asfaltate correttamente e mantenute ad un livello di pulizia e decoro superiore siamo certi che questi dati potrebbero solo che migliorare. A ciò aggiungiamo che se gli utenti fossero maggiormente responsabilizzati, soprattutto impiegando deterrenti adeguati e più efficaci, il numero dei feriti e dei morti calerebbe ulteriormente in modo drastico. Chi vuole sfogare la propria voglia di correre perché si sente appagato solo se vive emozioni forti può recarsi a proprie spese direttamente a Vallelunga. Ne beneficerebbero i cittadini rispettosi delle regole, coinvolti in incidenti loro malgrado e i conti della sanità locale e nazionale.

Incidenti comportamenti dinamiche_4

Ma a Roma forse ci sono meno problemi che in altre città europee, nella maggior parte dei casi su comportamenti e dinamiche di incidenti Roma capitale è allineata alle capitali dei Paesi europei salvo che nella velocità e fra i distratti “pirla” che battono gli alcolisti ben 76 a 4.

 

© 2017, MYDIGITALPASSION s.r.l., riproduzione riservata.

Seguici sui social!

La tua passione più grande, Motospia.it!