Powered by WP Bannerize

Motospia

Horex VR6 RAW. La novità del secondo produttore di Germania

horex

Un marchio storico del motociclismo tedesco fatto rifiorire da un’azienda specializzata nella lavorazione della fibra di carbonio. Un binomio che sta dando i suoi frutti. Produzione limitata, non c’è ancora un importatore in Italia.

horex

La Horex VR6 è una moto che pochi conoscono. Horex è un marchio storico, tedesco, uno di quelli che ha fatto la storia del motociclismo. Nata negli Anni ’20, sparì negli Anni ’60. Fu poi rifondata nel 2010, e venne introdotto un poderoso motore sei cilindri contrapposti a V stretta caratterizzato anche da un sistema di alimentazione a turbocompressore. Dopo 4 anni questa nuova compagine sociale dichiarò fallimento, e nel 2015 la nuova Horex fu rilevata da una nota industria tedesca, la 3C Carbon, specializzata nella lavorazione della fibra di carbonio.

Sotto questa nuova proprietà la Horex è rifiorita, e oggi, sulla base di quel poderoso sei cilindri a V stretta (ma senza turbo), produce una gamma composta da tre modelli: VR6 Classic, VR6 Café Racer, VR6 RAW, declinate in varie versioni, e affiancate da tante proposte speciali realizzate sulla base temi particolari.

horex

La nuova Horex produce un migliaio di pezzi all’anno. Prezzi dai 35.000 Euro in su.

Stiamo parlando di una produzione comunque limitata ed esclusiva. L’azienda è composta da una quarantina di persone fra tecnici e gruppo dirigente, e riesce a produrre un migliaio di esemplari l’anno per tutti i mercati mondiali. I prezzi sono molto elevati (si parte da circa 35.000 Euro). Da quando è stata acquisita dal gruppo 3C Carbon, le cose stanno andando discretamente. Il mercato principale è senza dubbio la Germania che assorbe un centinaio di esemplari l’anno, ma pian piano la Horex si sta espandendo anche su altri mercati europei importanti.

La produzione della Horex è caratterizzata da una maniacale cura dei dettagli e da una qualità assolutamente irreprensibile. Grazie al collegamento con la Casa madre, la Horex può disporre delle migliori tecnologie e conoscenze relative alla fibra di carbonio. Questo si vede soprattutto nella realizzazione del telaio, che è a doppio trave in alluminio ma ha la parte anteriore (la zona del cannotto di sterzo) in fibra di carbonio. Con lo stesso materiale è realizzata tutta la zona reggisella.

 

Per la manicale cura e qualità dei dettagli, questa moto può essere definita senza paura di sbagliare la “Rolls Royce delle due ruote”.

La Horex conta si un motore davvero esclusivo un sei cilindri contrapposti a V stretta (15°). Una struttura molto particolare, che gli consente di essere quasi un sei cilindri in linea ma con ingombri da 4 cilindri. Nonostante una cilindrata di 1218 cm3, infatti, ha una larghezza di soli 43 cm! Altra paerticolarità è la distribuzione a tre valvole radiali per cilindro con tre alberi a camme in testa.

Il motore della Horex sviluppa 163 CV e una coppia di ben 128 Nm, che promettono una grande fluidità di risposta.

Per quanto riguarda il design, la struttura base è quella di una moderna naked equipaggiata con tutta la migliore componentistica possibile, e la nuova versione RAW appena presentata è senza dubbio accattivante.

Freni Brembo e sospensioni Ohlins al top delle rispettive gamme completano il quadro di una moto che più di tante altre giustifica nella qualità costruttiva e nei contenuti tecnici il prezzo esclusivo.

 

© 2019, MYDIGITALPASSION s.r.l., riproduzione riservata.

Seguici sui social!

La tua passione più grande, Motospia.it!