Powered by WP Bannerize

Motospia

Honda CBR 1000 RR 2020… 220 cavalli finalmente!

honda car 1000

Per moltissimi anni Honda si è fatta portabandiera della guida facile e del “tutto sotto controllo” con le sue sportive Fireblade e CBR 1000 RR. Ma è sotto gli occhi di tutti come questo concetto ormai non faccia più presa. Anche perché, purtroppo, l’attuale CBR non ha mai ottenuto buoni risultati in Superbike. Ebbene, per il modello 2020 atteso a Milano per l’esordio a novembre (qui una elaborazione grafica di come potrebbe essere pubblicata da Motorradonline.de), sembra che finalmente gli ingegneri giapponesi abbiano avuto il via libera per scatenare i cavalli. Se ne annunciano almeno 220!

Ia Honda ha sempre fatto della CBR 1000 RR l’esempio di sportiva da “guida sotto controllo” piuttosto che delle “prestazioni ad ogni costo”. Ebbene, secondo i colleghi giapponesi di Young Machine, e le indiscrezioni raccolte anche da Motorradonline.de che ha pubblicato questa splendida elaborazione grafica che ci fa capire come potrebbe essere la nuova CBR,  questa filosofia sta per avere fine.

La nuova supersportiva di Tokyo, attesa all’esordio al Salone di Milano il 5 novembre, di cavalli ne avrà a disposizione un bel po’! Si dice almeno 220…

L’attuale Fireblade è una grandissima moto. Equilibrata e guidabile come poche altre. Ma mai in vetta alle classifiche delle comparative e mai vincente in pista. Con il modello 2020 la Honda vuole cambiare registro. E lo si capisce anche da come i responsabili HRC stanno approcciando la preparazione del team HRC ufficiale in Superbike, cercando i migliori piloti promettendogli una moto vincente.

Secondo i nostri colleghi giapponesi, la nuova CBR 1000 RR dovrebbe avere il motore a quattro cilindri in linea più potente di tutte le attuali Superbike, e il telaio sarà ancor più radicale. 

Alcune informazioni le si possono ricavare dai diversi brevetti presentati recentemente dal colosso nipponico. Ultimo, in ordine di tempo, quello relativo al controllo di fasatura variabile della distribuzione. Questo permette di avere più potenza ma anche di rispettare le severe normative  sulle emissioni e di avere una buona sfruttabilità del motore ai bassi e medi regimi. Insomma, si dice che la CBR 2020 avrà non meno di 220 CV. 

Nei giorni scorsi vi abbiamo anche parlato del brevetto che prevede l’uso di carbonio come rinforzo per il telaio in alluminio. Insomma, preparatevi ad una CBR 1000 RR aggressiva così come ce l’hanno disegnata i nostri amici giapponesi di Young Machine!

© 2019, MYDIGITALPASSION s.r.l., riproduzione riservata.

Seguici sui social!

La tua passione più grande, Motospia.it!