Motospia

Crisi Harley, licenzia in USA nella divisione Merchandising

crisi harley

La società di Milwaukee ha avviato una ristrutturazione della divisione Merchandising. I comunicati ufficiali non usano la parola “licenziamento”, ma fatto sta che con la crisi in atto 40 dipendenti Harley perderanno il posto. Colpa del calo sempre più evidente dei fatturati di questa divisione, e del calo progressivo delle vendite moto negli USA. La Casa ha dichiarato che la divisione produzione moto non sarà influenzata da questa ristrutturazione.

Tempi duri per la Harley-Davidson. Almeno negli USA si può parlare apertamente di Crisi Harley. La Casa di Milwaukee ha licenziato 40 dipendenti mercoledì 11 settembre 2019 nella sua divisione generale di merchandising, a Milwaukee, secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa Reuters.

I dirigenti della società non hanno fornito dettagli rispetto alla notizia dei licenziamenti subito diffusa da alcune emittenti TV locali. Il canale WISN 12 News  ha diffuso questa notizia: «Harley-Davidson ha annunciato che ristrutturerà la sua organizzazione di merchandising per sfruttare le opportunità di crescita».

crisi harley
I servizi trasmessi dalle TV locali a Milwaukee.

I notiziari locali WISN 12 News e CBS 58 hanno entrambi notato il rifiuto della società di usare la parola “licenziamento”, sebbene non sia chiaro come possa essere definito il fatto che 40 dipendenti improvvisamente perdono il lavoro per una “ristrutturazione”.

I dipendenti licenziati non possono parlare perché hanno firmato un accordo di non divulgazione.

WISN 12 News ha tentato di parlare con alcuni di quei dipendenti, che si erano radunati in un bar locale dopo il licenziamento. Nessuno di loro avrebbe parlato con gli inviati della TV locale perché avevano firmato un accordo di non divulgazione con l’azienda.

Sia Reuters che WISN 12 News hanno osservato che le vendite all’interno della divisione merchandising sono in costante calo dal 2015. Solo nei primi 6 mesi del 2019, la società ha registrato un calo del 4,2 per cento nelle vendite del solo merchandising, rispetto al 2018.

Un portavoce di Harley ha detto a Reuters che questi licenziamenti non interesseranno nessuno all’interno della divisione manifatturiera. Mentre le vendite in calo nel Merchandising non sono certamente una buona notizia, dal punto di vista dell’azienda. Il fatto è che questo si accompagna anche ad un calo delle vendite di moto. E non solo negli USA. A luglio 2019, le vendite di moto nel più grande mercato di Harley fuori dagli USA, l’India, sono diminuite del 21,6% se comparate al 2016.

crisi harley

Non è ancora chiaro quale sia la portata di questa “ristrutturazione”, né quale sarà il suo effetto sull’intera azienda. Ma di sicuro non è una buona notizia! Aggiungiamo anche che la divisione Merchandising è sempre stata una gallina dalle uova d’oro per la Harley Davidson. La Casa statunitense nel recente passato ha sempre attinto ai ricchissimi profitti provenienti dal merchandising per distribuire dividendi agli azionisti. Quindi, la crisi di questa divisione, è una bruttissima notizia per gli azionisti di Harley Davidson.

© 2019, MBEditore, riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

    acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto

    Seguici sui social!

    La tua passione più grande, Motospia.it!