Motospia

Cinema e Motori – Easy Rider, il road movie su due ruote più famoso della storia del cinema

EASY RIDER HARLEY

Con Easy Rider inauguriamo una nuova rubrica dedicata al mondo dei motori nel Cinema, un viaggio trasversale alla riscoperta della Settima Arte e dei veicoli che hanno contribuito a mitizzarla.

Negli anni ’60 il cinema americano cominciò a proporre le prime pellicole a tema motociclistico. Erano per la maggior parte film di scarsa qualità destinati ai drive-in, un tipo di proiezione che l’industria cinematografica statunitense aveva scoperto in quegli anni. La prima pellicola che suscitò interesse su larga scala fu Easy Rider, prodotta nel ’69 dalla società indipendente BBS per la regia di Dennis Hopper che ne fu interprete insieme a Peter Fonda e Jack Nicholson.

EASY RIDER HARLEY

Le riprese incominciarono con la sceneggiatura incompleta e ultimata un po’ per volta, budget di soli 400.000 dollari e un successo stratosferico per un incasso che raggiunse i 60 milioni. Divenne uno dei simboli della contestazione giovanile e della voglia di libertà di un’intera generazione, vinse il 22° Festival di Cannes come miglior opera prima e nel 1998 fu scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti, inserito dall’American Film Institute nella classifica dei migliori cento film della storia del cinema statunitense.

EASY RIDER HARLEY

 

Il Film

Due giovani motociclisti hippy, Wyatt ‘Captain America’ (Peter Fonda) e Billy (Dennis Hopper), dopo aver venduto cocaina nella California del Sud, col denaro guadagnato acquistano due nuove moto e partono per un viaggio attraverso gli Stati Uniti con l’obiettivo di raggiungere il Carnevale di New Orleans, in Louisiana, in cerca cerca di un modo alternativo di vivere.

Dopo essersi aggregati a una parata di moto a Las Vegas, Nevada, vengono arrestati e rinchiusi in cella dove conoscono George Anson (Jack Nicholson), avvocato alcolizzato che li aiuta a tornare liberi e si unisce a loro. Durante il viaggio i tre uomini si scontrano col bigottismo e l’odio della gente di provincia che teme il loro anticonformismo fino al punto da mettere tragicamente fine alla loro avventura.

EASY RIDER

Le motociclette

Le moto protagoniste di Easy Rider sono il chopper ‘Captain America’ e il bobber ‘Billy Bike’. Furono costruiti due esemplari per ogni modello sulla base di Harley-Davidson Hydra Glide del ‘49, ‘50 e ’52, appartenute alla polizia americana e acquistate per 500 dollari a una loro asta. I costruttori furono i customizer afroamericani Cliff Vaughs e Ben Hardy.

Le moto erano equipaggiate con motore Panhead (prodotto dall’Harley Davidson dal ’48 al ’65), l’unica parte che rimase originale. Fu eliminato tutto quello che era ritenuto superfluo, il telaio modificato e ogni altra parte costruita su misura. Il progetto originale delle due moto riprendeva lo stile già diffuso nell’ambiente custom californiano ed era di Fonda il quale volle affidarlo ad Hardy, conosciuto durante le riprese del film I selvaggi del ‘66 di cui Fonda era uno degli interpreti.

EASY RIDER HARLEY

Curiosità

Peter Fonda era un motociclista esperto tuttavia prima dell’inizio delle riprese del film volle allenarsi per una settimana alla guida di ‘Captain America’, per dare l’impressione di avere familiarità con quel genere particolare di moto. Per contro Dennis Hopper non era avvezzo alle due ruote perciò gli fu affidato il bobber in quanto meno impegnativo da guidare. Ad avere più problemi e preoccupazioni fu Jack Nicholson, che non si sentiva a suo agio come passeggero in sella a ‘Captain America’: per stare in equilibrio strinse così tanto le ginocchia attorno ai fianchi di Fonda da rompergli una costola.

EASY RIDER

Durante le riprese di Easy Rider le moto furono gestite dall’attore-comparsa Dan Haggerty e dallo stunt-men Tex Hall, che aveva già lavorato nella pellicola americana a tema motociclistico Angeli dell’Inferno (‘67) e che anni dopo reciterà nel film dello stesso genere La notte dei demoni (‘71).
Ogni motocicletta era munita di un supporto per la cinepresa perché la produzione voleva assicurarsi di avere comunque il girato anche in caso di malaugurato incidente.

EASY RIDER HARLEY

La storia di ‘Captain America’

Dei due esemplari realizzati quello meno utilizzato da Fonda fu bruciato nel finale del film (in questa scena la moto era guidata da Tex Hall), dopo che le altre moto erano state rubate, smontate e vendute a pezzi da chi certo non prevedeva quale sarebbe divenuto il loro valore. L’esemplare di ‘Captain America’ bruciato fu poi ricostruito da Haggerty il quale, nel 2001, lo vendette a John Parham, presidente del National Motorcycle Museum di Anamosa, Iowa.

In questo museo è stato esposto fino al 2013, anno in cui venne rivenduto al collezionista californiano Michael Eisenberg, che a sua volta lo mise all’asta nell’ottobre 2014 completo di documenti di autenticazione e di una lettera di Fonda. La moto fu venduta per 1,35 milioni dollari. Nel corso del tempo ‘Captain America’ ha influenzato l’intera industria motociclistica americana ed è diventato così famoso da essere replicato innumerevoli volte. Ancora oggi ogni replica è venduta a circa 30.000 euro.

EASY RIDER HARLEY

LINK ALLA RECENSIONE BLU-RAY E DVD

Scheda tecnica di ‘Captain America’
Modello: Harley-Davidson Chopper (derivato da Hydra Glide del ’52)
Anno: 1969
Categoria: custom/cruiser

Motore e trasmissione
Cilindrata: 1208 cc
Rapporto di compressione: 8:1
Motore: Panhead, V-twin a 45° e quattro tempi
Potenza: 60 HP a 6000 giri/min
Alesaggio e corsa: 86,4 x 101,6 mm
Alimentazione: benzina, carburatore
Distribuzione: overhead valves (OHV)
Accensione: batteria/bobina
Raffreddamento: aria
Frizione: a secco
Trasmissione primaria: catena duplex
Cambio: quattro velocità
Trasmissione finale: catena
Scarichi: fish-tail

Ciclistica
Telaio: tubolare, monotrave superiore, doppia culla con posteriore rigido
Sospensione anteriore: forcella telescopica
Sospensione posteriore: rigida
Freno posteriore: a tamburo
Serbatoio: a goccia, a stelle e strisce
Sella: tipo ‘sissy bar’ con schienale ultra-alto
Manubrio: ape-hanger

Dimensioni e peso
Peso a secco: 272,2 kg
Rapporto potenza/peso: 0,2205 HP/kg

Scheda tecnica film
Titolo: Easy Rider – Libertà e paura
Anno: 1969
Paese: USA
Genere: avventura, drammatico
Durata: 95 minuti
Regia: Dennis Hopper
Attori: Peter Fonda, Dennis Hopper, Jack Nicholson
Soggetto e sceneggiatura: Dennis Hopper, Terry Southern, Peter Fonda
Fotografia: László Kovács, Baird Bryant
Montaggio: Donn Cambern
Scenografia: Jeremy Kay
Effetti: Steve Karkus
Formato: 35 mm (1:1.58), 16 mm (scene a New Orleans) – technicolor
Sound Mix: mono (Western Electric Sound System)
Colore: colore/bianco e nero
Distribuzione: Ceiad (1970) – Columbia Tristar Home Video
Produzione: BBS

© 2018, MYDIGITALPASSION s.r.l., riproduzione riservata.

Seguici sui social!

La tua passione più grande, Motospia.it!