Motospia

CAST HELMETS CM5 CLASSIC: AUTUMN TEST E PAGELLA FINALE

CM5 CLASSIC: il nostro test continua, e non saranno di certo questi primi freddi mattinieri a fermarci. È anche tempo di valutare nel suo complessivo il casco 100% italiano.

CM5 CLASSIC
Sole autunnale su casco Cast CM5 Classic

Dopo una caldissima estate, dove è stato possibile apprezzare la qualità costruttiva del casco completamente prodotto in Italia, abbiamo continuato ad usare il casco Cast CM5 Classic alla ricerca di qualche difetto che potesse farci arricciare il naso.

In autunno, specialmente quando al mattino l’aria è carica di umidità e le temperature iniziano a scendere, alcuni motociclisti (incluso me) usano un passamontagna per coprire al meglio la gola ed evitare che fastidiosi spifferi attraversino la giacca e il collo. Utilizzando il passamontagna assieme al casco Cast CM5 Classic ogni flusso d’aria indesiderato svanisce magicamente; il sottogola inoltre è un accessorio (incluso nella scatola all’acquisto) che permette di raggiungere un risultato eccellente.

L’aria autunnale è solitamente più densa, in quanto contiene una maggior quantità di acqua. Aria più densa significa un maggior stress aerodinamico: solo i caschi studiati con la giusta attenzione sono capaci di fare la differenza. Nel casco di Cast CM5 Classic, abbiamo ricevuto la piacevole conferma che anche a velocità oltre codice stradale non si avverte alcun fruscio o turbolenza: la semplicità paga.

In autunno, specialmente in queste settimane, la pioggia è stata particolarmente presente ed abbiamo avuto modo di provare la qualità costruttiva della visiera e la bontà delle guarnizioni: su quest’ultime non ci sono dubbi, hanno preservato ottimamente la temperatura interna e non hanno fatto trafilare alcuna goccia d’acqua. La visiera, sebbene ottima, non fa scivolare perfettamente l’acqua, creando qualche distorsione d’immagine. Nella scatola d’acquisto è presente un paranaso, accessorio indispensabile in caso di pioggia: senza, sulla parte inferiore della visiera, si formano dell’umidità (dovuta all’aerosol interna) decisamente fastidiosa. L’azione combinata di sottogola e paranaso, componenti che si montano in 30 secondi in totale, permette di attraversare anche il più forte dei temporali senza alcun problema.
Grazie alla imbottitura interna removibile, abbiamo sempre potuto pulire l’interno del casco senza alcun problema, svolgendo il nostro test senza esalazioni maleodoranti, specialmente durante il periodo estivo.
Tra un temporale e l’altro, quando il cielo si apriva donandoci qualche spiraglio di luce, avremmo potuto indossare un paio di occhiali da sole, ma l’imbottitura avvolgente del casco non ce lo permetteva; dopotutto, si tratta pur sempre di un casco prettamente racing.

CM5 CLASSIC
La perfezione della calotta e della verniciatura fanno del Cast CM5 Classic un Signor Casco.

Autumn Test superato per il casco Cast CM5 Classic, con la sola nota negativa della visiera che non fa scivolare molto bene le gocce d’acqua durante i temporali.
La qualità della verniciatura è rimasta la stessa, immutata: dopo varie piogge cariche di sabbia e acqua sollevata dalle auto vicine, un lavaggio molto rapido con un pannetto ed il casco torna come nuovo.
è anche tempo di pagelle. Voto a questo casco orgogliosamente fatto in Italia? Un bel 9: un prodotto bello, dall’ottimo rapporto qualità-prezzo e senza fronzoli inutili. Uniche pecche, come detto, sono la visiera non perfetta in caso di pioggia e il non poter installare facilmente un interfono. Per alcuni è un pregio.

Arriviamo alla fine di questo test, riproponendo la domanda: esiste il casco totale? La risposta è soggettiva; per noi il casco Cast CM5 Classic è qualcosa che si avvicina moltissimo al casco perfetto ed è fatto veramente in Italia, motivo di cui andare orgogliosi.

 

© 2018, MYDIGITALPASSION s.r.l., riproduzione riservata.

Seguici sui social!

La tua passione più grande, Motospia.it!