Motospia

BMW GS, VOGLIA DI VIVERE COME UN BAMBINO

Ritornano i racconti di Marco Gambardella che ci propone la sua prima intervista, al “mago delle gomme” Paolo, amico e motociclista appassionato in sella alla sua BMW GS

BMW GS
L’autore, a destra, con l’amico Paolo

Ero sul treno “Italo” a novembre scorso quando l’occhio si è fermato su un articolo molto interessante del loro giornale a firma di Alessandro Borghese dal titolo: “Volontà e passione: ingredienti fondamentali”. L’autore centra subito l’argomento: “Ambizioni, desideri e sogni: voi giovani di oggi cosa vorreste fare nella vita? Il mondo moderno con l’evoluzione digitale […] genera in alcuni giovani uno dei concetti più deleteri dell’animo umano: ‘Tutto e subito’. La scala dei valori sociali si è modificata contorcendosi intorno alla ragnatela di questo mondo virtuale e parallelo. Una società in cui l’effimero riceve più like dell’ambizione. Dov’è l’entusiasmo? La voglia di fare? Di crescere? Di potersi formare ed esprimere attraverso un lavoro? Esiste un malcostume piuttosto diffuso di farsi scivolare tutto addosso, di non appassionarsi a nulla, facendo sprofondare la propria mente in una prigione di abitudini e torpore. Quando incontro i miei colleghi, i discorsi spesso ricadono su quanto sia difficile trovare un team di qualità che vuole crescere. […]”

Mentre il fegato ribolliva anche a me per questa nostra misera ma reale realtà, la mente mi è tornata in un lampo al mio amico Paolo, titolare della Pneus Line di Parma. (Pneus Line, via Emilia Ovest 113, Parma – Tel. 0521.942572)

Un gommista, in parole povere; ma che è più di un gommista. Un personaggio; ma che sarebbe riduttivo definire un personaggio. Un amico, ma di quelli che ce ne vorrebbero a badilate, sparsi qua e là nella nostra vita, nelle nostre città, nell’odierna società…

Insomma: il mio amico Paolo, su per giù classe 1970, è una botta di vita e di entusiasmo che non ti lascia indifferente. Ci siamo conosciuti nel luglio 2017 al Corso di Guida Sicura per moto della Ride & Co., della quale lui stesso fa parte oramai del team organizzatore. Venne a seguire il Corso di guida pure lui, con l’allora sua BMW GS (la r1150) gialla. Da lì, è pure diventato il mio gommista di fiducia per la moto, benché sia a 140 km da casa mia. Ma in moto, cosa sono… cen-to-qua-ran-ta km? Non fosse per gli autovelox maledetti (ogni volta invoco la Santa Protezione per difendermi dal Male!), sarebbe una passeggiata serenissima, allietata proprio dall’amicizia e dalla simpatia che mi aspettano a fine corsa, ai piedi dell’incantevole Appennino, in direzione del Passo della Cisa…

Paolo, come coniughi entusiasmo e passione nel tuo lavoro? 

Entusiasmo e passione?… Ma io non farei niente senza entusiasmo e passione! Il mio lavoro mi piace molto, tanto più che poi mi ha coinvolto prima con le auto, ora con le moto!”

Hai sempre fatto il gommista?

No, no! Ho iniziato a lavorare a 14 anni perché non volevo più studiare. Poi a 16 anni sono pure uscito di casa, e quindi per non dipendere dalla mia famiglia per le mie spese, oltre al panettiere durante la giornata, la sera facevo anche il barman. Ho fatto il doppio lavoro per molti anni, frequentando persino una scuola per Barman: lo so fare bene! Poi un giorno, sono approdato in un’officina che cambiava gomme, e da lì è nato tutto

E grazie a questo lavoro ti sei appassionato alle moto?

In realtà, all’inizio mi interessavano di più le macchine. Poi un giorno, dopo un lungo periodo di astinenza in seguito ad un incidente che, a vent’anni, mi aveva lasciato in coma per giorni, ho ripreso in mano la moto di un amico e da quel momento le autovetture hanno perso tutto il loro interesse per me. Certo, ne ho cambiate molte, ma le auto ‘ti servono’ nella vita; la moto invece è passione! È tutta un’altra cosa!

Cos’è, quindi, la moto per te?

La moto?!… La moto è la vita! Senza la moto, non c’è vita! Io mi alzo, lavoro, faccio le mie cose… pensando che nella pausa pranzo, o tra due, tre giorni, o nel fine settimana prenderò la moto per andare a fare un bel giro! Ne ho bisogno! Tutto l’anno ci vado. Guardo sempre il meteo, e poi vado! Solo quando c’è neve non ci vado, e comunque sempre lavoro e impegni di famiglia permettendo.

BMW GS
Paolo in versione “racing”

Come mai hai creato anche un team racing?

Beh, quando sei nel giro, una moto tira l’altra! Abbiamo il circuito di Varano De’ Melegari qui vicino, e così, avendo trovato una moto, abbiamo fatto nascere il team, i piloti siamo io e uno dei ragazzi che lavora con me.

NB: Paolo mi aveva invitato alla cena per l’inaugurazione del suo team fatta a Parma il 1° novembre u.s. Da allora ho una domanda che mi preme fare: “Scusa Paolo ma… il nome della tua squadra, il ‘Team F.D.P.’, vuol proprio significare quello che si intuisce?!Esatto! Proprio quello che si intuisce!! Ah ah!” e gli vien fuori una risata così sonora e sincera, che non servono ulteriori chiarimenti riguardo alle ‘buone intenzioni’ sottostanti…

La tua moto ideale resta comunque il BMW GS, o qualcosa di simile…

Sì, a correre ci vado, ma non sono un professionista: ci vado per divertirmi! La mia moto è il BMW R 1200 GS: è quella la mia moto! Dopo il BMW R 1150 GS, ho preso il BMW R 1200 GS che ora ho già sostituito col BMW R 1200 GS Adventure.

Ma è vero che vai in giro anche coi clienti, con la scusa di provare le gomme?

Certo! Ogni tanto lo faccio! Devo dire che in questi ultimi anni ho formato bene i miei ragazzi, che dunque lavorano con passione e professionalità [ndr: cosa diceva Borghese scrivendo su Italo?]. Ora mi posso tranquillamente fidare di loro e, grazie anche a mia moglie che lavora nel mio ufficio, ogni tanto posso permettermi di lasciare il negozio e di partire col cliente.

BMW GS
Foto di gruppo alla Cisa

Come quella volta dei 700 km in una giornata…?

Sì! Il mio cliente, anche lui col BMW R 1200 GS, aveva appena montato delle nuove gomme quel mattino e gli ho detto: Andiamo a provarle? Lui c’è stato e così si è messo davanti a fare strada. È un tipo che gira, quello… e così, passando dal lago d’Idro, mi ha portato prima al Passo di Crocedomini e poi a Livigno, rientrando a Parma in serata!

BMW GS
La BMW R1200GS di Paolo

Già! Del resto, che dire?! Dalla lettura di quel famoso articolo, proprio oggi riesco finalmente ad intrattenermi con lui mentre ci troviamo a pranzo. E dove siamo?? Al ristorante Da Romano” di Gianluca Begioni, in piazza Micheli a Berceto (PR), a un passo dal Passo della Cisa. E perché siamo qui? Beh, è un vanto per me dirlo: 55 km prima, a mezzogiorno, aveva appena finito di cambiarmi le gomme3!! E quanto è durato il pranzo? Una cosa veloce: la SS 62 ci attende per tornare alla svelta, lui al lavoro, e io a casa!

Insomma, ce ne vorrebbero di professionisti così, pronti ad accompagnarti nella vita e non solo a liquidarti dopo il pagamento della (loro!) fattura! Gente capace, innamorata del proprio lavoro ma anche espansiva, cordiale, solare…

Chissà! Forse anche per questo ci vorrebbero più moto nella vita dei giovani d’oggi, per ridare loro vita, restando semplici e desiderosi di vivere perché ancora capaci di dire (come sempre dice Paolo al rientro dai suoi giri):

“Mi son divertito come un bambino!”.

NB: Per il secondo anno di fila, su suo consiglio, scelgo le Continental Road Attack 2, con le quali ho superato i 10.000 km, trovandomi benissimo fino all’ultimo metro; sembrano fatte apposta per la mia Honda NC750X !

© 2019, MYDIGITALPASSION s.r.l., riproduzione riservata.

Seguici sui social!

La tua passione più grande, Motospia.it!